email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

KARLOVY VARY 2013

XL: una nottata ad alto tasso alcolico

di 

- L'ultimo film del regista islandese Marteinn Thorsson è un trip etilico che guarda con nausea alla politica islandese

XL: una nottata ad alto tasso alcolico

Immaginatevi sull'orlo del coma etilico mentre assistete alla proiezione sul grande schermo di una versione di 87 minuti di Smack My Bitch Up e vi avvicinerete all'esperienza proposta da XL [+leggi anche:
intervista: Marteinn Thorsson e Ólafur…
scheda film
]
, ultimo film del regista islandese Marteinn Thorsson presentato in concorso a Karlory Vary. Questo trip nauseante contiene la stessa dose di sesso, alcol e violenza del videoclip dei Prodigy e utilizza la stessa camera soggettiva per farci vivere la serata debosciata organizzata da Leifur Sigudarson (Ólafur Darri Ólafsson, anche produttore), politico corrotto, pervertito dai mille eccessi e padre lamentabile, la vigilia del suo ingresso forzato in rehab.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Soffrendo lui stesso di dipendenza dall'alcol, il regista impiega diversi artifici — visione soggettiva, distorsioni varie, blackout — per comunicare la percezione sensoriale di un alcolizzato cronico, e il risultato è effettivamente disturbante. Anche il soggetto avrebbe dovuto esserlo giacché il film è una critica al vetriolo di una classe politica che ha precipitato l'Islanda in una crisi economica e sociale senza precedenti. Il film si concentra invece sull'uomo senza volgere lo sguardo sulla sua azione politica, che immaginiamo tanto caotica quanto la vita impudente e sfacciata che conduce tutti i giorni.

La critica spietata della scena politica è tuttavia richiamata alla fine quando Sigudarson appare — senza alcuna transizione — in televisione mentre pronuncia, completamente ripulito, un discorso moralizzatore cui nessuno a questo punto può più credere. Olafsson si impone nella sua interpretazione del personaggio principale, odioso quanto basta e senza attenuanti per giustificare il suo comportamento di Cattivo tenente in colletto bianco. La costruzione del film e soprattutto il suo montaggio sincopato a otto mani rendono XL molto singolare, ma lo relegano anche tra le hit festivaliere di distribuzione XS.

 

 

 

 

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.