email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2013 Germania

Forte presenza tedesca a Venezia

di 

- Con Philip Gröning in concorso e Martina Gedeck in giuria, il cinema tedesco sarà sotto i riflettori alla 70^ Mostra di Venezia

Forte presenza tedesca a Venezia

La Germania sarà presente alla 70^ edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (28 agosto – 7 settembre). In concorso è stato selezionato The Police Officer's Wife [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Philip Gröning
scheda film
]
di Philip Gröning (in foto) —prodotto da Philip Gröning Filmproduktion, Bavaria Pictures e 3L Filmproduktion —, su una giovane famiglia in una piccolo città e la violenza e l’amore tra i suoi componenti. Il regista tedesco era già stato al Lido col documentario Into Great Silence [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Philip Groening
scheda film
]
e in giuria Orizzonti nel 2006.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Fuori concorso è invece Home From Home – Chronicle of a Vision [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Edgar Reitz, cronaca familiare e storia d’amore incentrata su due fratelli e ambientata nella Germania rurale a metà del XIX secolo, che ricorda lo spirito della nota trilogia del regista, Heimat. Qui, quando interi villaggi sono spinti dalla fame e dalla povertà ad emigrare in Sudamerica, la domanda è se andare o restare.

L’attrice di fama mondiale Martina Gedeck (Le vite degli altri [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Florian Henckel von Donner…
intervista: Ulrich Muehe
scheda film
]
) è inoltre nella giuria internazionale.

Wolf Children [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rick Ostermann
scheda film
]
(Zum Goldenen Lamm Filmproduktion), debutto di Rick Ostermann, sarà presentato nella sezione Orizzonti, dedicata a nuove tendenze e scoperte. Dopo un corto premiato sullo stesso tema, Ostermann torna a raccontare la storia di due bambini costretti a lottare per sopravvivere da soli dopo la II Guerra Mondiale tra Prussia orientale e il baltico.

I Venice Days presentano come evento speciale il documentario Julia di J. Jackie Baier, risultato di un lavoro decennale iniziato quando la 18enne transessuale Julia K. arrivò dalla Lituania a Berlino, dove ha sempre lavorato come prostituta. 

La delegazione tedesca include quattro co-produzioni: Redemption del portoghese Miguel Gomes (Fuori Concorso, co-prodotto da Komplizen Film), Minesh di Shalin Sirkar (Orizzonti, Twenty Twenty Vision Filmproduktion), White Shadow di Noaz Deshe (Settimana della Critica, Chromosom Filmproduktion, French Exit) e Bethlehem di Yuval Adler (Venice Days, Gringo films).

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy