email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Italia

Ivano De Matteo torna sul set con I nostri ragazzi

di 

- Il nuovo film dell'autore de Gli equilibristi è liberamente ispirato al libro "La cena" di Herman Koch. Riprese al via il 7 ottobre a Roma, produce Rodeo Drive

Ivano De Matteo torna sul set con I nostri ragazzi

Un omicidio, il futuro di due adolescenti e un dilemma morale irrisolvibile. Dopo aver raccontato la disperazione di un padre separato che finisce per dormire in macchina ne Gli equilibristi [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 (in Orizzonti a Venezia 2012), Ivano De Matteo (foto) torna sul set dal 7 ottobre con un film incentrato sulla famiglia borghese e le sue contraddizioni, I nostri ragazzi, liberamente ispirato al libro "La cena" dello scrittore olandese Herman Koch.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Due fratelli (Alessandro Gassman e Luigi Lo Cascio), opposti nel carattere come nelle scelte di vita, uno avvocato di grido, l’altro pediatra impegnato, e le loro rispettive mogli (Barbora Bobulova e Giovanna Mezzogiorno) perennemente ostili l’una all’altra, s’incontrano da anni, una volta al mese, in un ristorante di lusso, per rispettare una tradizione. Parlano di nulla: ricette, l’ultimo film francese uscito in sala, l’aroma fruttato di un vino bianco, il politico corrotto di turno. Fino a quando una sera delle videocamere di sicurezza non riprendono una tragica bravata dei rispettivi figli (Rosabell Laurenti Sellers, già ne Gli equilibristi, e Jacopo Olmo Antinori, rivelazione di Io e te [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 di Bertolucci) e l’equilibrio delle due famiglie va in frantumi. Come affronteranno due uomini, due famiglie tanto diverse, un omicidio che li coinvolge così da vicino?

La sceneggiatura è scritta da De Matteo con Valentina Ferlan, sua fedele collaboratrice. "Non giudico i ragazzi, quello che mi interessa raccontare è la deflagrazione di un evento simile all'interno di due famiglie", spiega il regista. "Denunciare i propri figli o coprirli? Un dubbio etico e di giustizia, una provocazione da cui nessuno può sentirsi escluso, in nessun ambiente sociale né luogo".

Prodotto da Marco Poccioni e Marco Valsania per Rodeo Drive, con il contributo economico del ministero per i Beni culturali che lo ha riconosciuto come film di interesse culturale, I nostri ragazzi si girerà tutto a Roma per sei settimane.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy