email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PERSONE Svezia

Boom! Baker Karim nuovo commissioner all’SFI

di 

- Lo scrittore, regista e direttore della fotografia ugandese, che ha studiato negli USA, apre una nuova era col suo nuovo lavoro allo Swedish Film Institute

Boom! Baker Karim nuovo commissioner all’SFI

“BOOM! Proprio così! Obama viene eletto presidente. Baker viene nominato commissioner lungometraggi. La marea è cambiata!”. Lo scrittore, regista e direttore della fotografia svedese Baker Karim (in foto) è stato nominato nuovo film commissioner allo Swedish Film Institute dal 1° novembre, al posto del regista e produttore Linus Torell, e questa è stata la sua reazione (sul sito web dell’Institute):

“Ora tocca ai filmmaker qui in Svezia mobilitare le loro truppe più creative e lucidare le loro baionette artistiche. Questo giorno segna il nostro impegno incrollabile a fare film svedesi di altissimo livello artistico! Insieme possiamo creare l’età dell’oro del cinema svedese. Nessuna paura, nessuna fuga. Smettiamola di sentirci soddisfatti delle cose che funzionavano in passato. È il tempo dell’eccellenza, della diversità, del coraggio. Il cinema svedese va in guerra! È ora. Finalmente è arrivata l’ora!”

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nato in Uganda, Karim è arrivato in Svezia a un anno con i genitori, in fuga dal regime di Idi Amin. Dopo le superiori si è trasferito col fratello Othman negli USA, dove ha studiato all’American Film Institute e ha lavorato come aiuto regia con Roger Corman al Concorde-New Horizons e come assistente di produzione con John Landis.

In Svezia, il suo debutto Four Women (2001) è stato seguito da un corto premiato all’estero, Malcolm (2002), selezionato in Semaine de la Critique a Cannes. Per la tv ha realizzato Swedenhielms (2003) e The Babajou Family (2009). Anche i suoi fratelli Othman e Alexander sono nel cinema — Alexander è il protagonista del suo Fragments of an Unfinished Journey (2005).

“L’entusiamo di Karim per i progetti di qualità è una fonte di ispirazione e sarà fantastico vedere quello che otterrà come commissioner”, ha commentato Anna Serner, AD dello Swedish Film Institute. Il budget totale 2013 dell’Institute è di 60 milioni di euro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy