email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Bulgaria

Blind Dates trionfa al Sofia IFF

di 

- Il principale festival cinematografico bulgaro premia film da India, Danimarca e Turchia

Blind Dates trionfa al Sofia IFF
Levan Koguashvili (a sinistra), regista di Blind Dates, riceve il Grand Prix del 18° Sofia International Film Festival

Sabato sera è stata la grande serata della produzione georgiana Blind Dates: il secondo film di Levan Koguashvili ha infatti conquistato il Grand Prix della 18^ edizione del Sofia International Film Festival (6-16 marzo). Blind Dates ha vinto anche i Premi al Miglior Regista e il FIPRESCI.

Nel corso della cerimonia al Palazzo Nazionale della Cultura, la giuria guidata dal produttore russo Alexander Rodnyansky ha assegnato il suo Premio Speciale a Liar’s Dice di Geethu Mohandas (India). Il Premio al Miglior Documentario è andato all’acclamato The Act of Killing [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, co-produzione danese/norvegese/britannica/finlandese diretta da Joshua Oppenheimer e candidata quest’anno agli Oscar. La giuria documentari ha assegnato una Menzione Speciale a Life Almost Wonderful di Svetoslav Draganov.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il Premio Domaine Boyar al Miglior Film Balcanico è andato a Yozgat Blues [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, co-produzione turco/tedesca diretta da Mahmut Fazil Coskun, mentre The Judgement [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Stephan Komandarev
scheda film
]
 di Stephan Komandarev ha ricevuto il Premio al Miglior Film Bulgaro. Anche il Premio del Pubblico è rimasto in Bulgaria: il vincitore è stato infatti The Last Black Sea Pirates di Svetoslav Stoyanov. I registi Georgi DjulgerovGoran Paskaljevic e Dusan Hanak hanno portato a casa il Premio Sofia per il contributo al cinema mondiale.

Il mercato di co-produzione del festival, Sofia Meetings, ha premiato i progetti di Paul Negoescu (Never Let It Go, Romania), Milko Lazarov (Nanook, Bulgaria), Mira Fornay (Cook, F**k, Kill, Slovacchia) e Miriam Khachvani (Dede, Georgia).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy