email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM Spagna

Costa da Morte: una piccola sagoma nel paesaggio

di 

- Il primo lungometraggio di Lois Patiño, selezionato in diversi festival del mondo, esplora i rapporti tra l'uomo e la natura

Costa da Morte: una piccola sagoma nel paesaggio

L'uomo è connesso alla natura perché è parte di essa, anche se a volte non sembra. Le persone sono un elemento in più del paesaggio in cui vivono e con cui dialogano. Il regista galiziano Lois Patiño, con un'importante esperienza di cortometraggi sperimentali alle spalle, segue i passi dell'uomo nel paesaggio nel suo primo lungometraggio Costa da Morte [+leggi anche:
trailer
intervista: Lois Patiño
scheda film
]
. Presentato al Festival di Locarno, dove ha ottenuto il Premio del Miglior Regista Emergente, ha viaggiato per buona parte del mondo, compresi i più recenti Festival di Rotterdam, l'IBAFF e il messicano FICUNAM, dove si è aggiudicato il primo premio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Patiño sceglie di camminare in una delle zone più avverse della costa spagnola, la galiziana Costa da Morte, luogo di miti e leggende, vita e morte, tra il mare e la terra. Il ritratto di questo territorio e della sua gente è fatto attraverso una telecamera fissa che si limita a registrare ciò che accade dinanzi a sé, a grande distanza. Tra le scene ritratte, il lavoro dei raccoglitori di molluschi e crostacei, le passeggiate in montagna e l'abbattimento dei pini nella nebbia. Le persone sono mostrate all'interno di questi quadri alla stregua di onde, rocce e alberi. Non a caso, il film parte da una citazione dello scrittore galiziano per eccellenza, Castelao, che dice che "in un entrare dell'uomo nel paesaggio e del paesaggio nell'uomo, si creò la vita eterna della Galizia".

Costa da Morte mostra questa connessione, che acquisisce dimensioni alte quando si sovrappone alla storia, le leggende e i miti della zona (le stesse di Fisterra, nota ai romani come “la fine della terra”). Ma poi torna rapidamente sulla terra per mostrare le feste patronali e le visite ai cimiteri, ma anche l'eccessivo sfruttamento minerario, gli incendi boschivi e gli echi di disastri come la marea nera del Prestige, la petroliera affondata presso questa costa nel 2002. Tale nesso si mostra crudele e violento, a volte spettrale e spaventoso quando implica un rapporto distruttivo volto a trarre dalla natura il maggior vantaggio.

Mentre dipinge piccole sagome in mezzo a grandi paesaggi, lo sguardo delicato e sicuro di Patiño assume un altro significato. La sua creazione, come la maggior parte di quelle della sua casa di produzione, Zeitun Films (Arraianos [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Todos vós sodes capitáns [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), è una piccola ombra che si muove nel grande panorama cinematografico spagnolo, e che a volte si vede obbligata ad allontanarsene per essere più visibile, per mostrarsi ogni volta più nitida e potente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy