email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

INDUSTRIA Europa

Secondo gli EFAD, la Sat Cab Regulation indebolirà la diversità culturale nelle produzioni europee

di 

- La norma potrebbe portare all'eliminazione della licenza territoriale esclusiva, a prezzi più elevati e a una diminuzione delle alternative e degli investimenti nelle co-produzioni europee

Secondo gli EFAD, la Sat Cab Regulation indebolirà la diversità culturale nelle produzioni europee

L'articolo 2 della Proposta Normativa su alcune trasmissioni online di emittenti televisive e ritrasmissioni di programmi televisivi e radiofonici introduce un'estensione del principio del Paese di Origine che, secondo gli European Film Agency Directors (EFAD), minaccerà la sostenibilità del settore audiovisivo e la diversità culturale in Europa.

Gli EFAD si oppongono fermamente a tutto ciò e paventano che le posizioni negoziali di produttori, agenti di vendite e distributori potrebbero essere indebolite da questa norma, che rende difficile per loro resistere alle richieste di diritti di catch-up paneuropeo, per le quali i titolari dei diritti vengono raramente remunerati.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Per le società indipendenti europee, l'esclusività territoriale è un presupposto per il finanziamento,  la distribuzione e la commercializzazione di opere europee; è quindi assolutamente cruciale che la territorialità e la libertà contrattuale non vengano compromesse da nessuna delle proposte per il Mercato Unico Digitale (DSM) che potrebbero minare il potere contrattuale di produttori, agenti di vendite e distributori. La legge sul copyright attuale non impedisce ai titolari di diritti di vendere licenze multi-territoriali, e i costi di transazione nel caso di un'opera audiovisiva sono bassi, in quanto i diritti esclusivi di utilizzo sono in genere del produttore o del licenziatario.

Questa norma potrebbe comportare un accentramento di potere nelle mani degli operatori dominanti, che non rafforzerebbe, ma piuttosto indebolirebbe, la concorrenza e si tradurrebbe in un minor numero di contenuti disponibili online e in un minor accesso a contenuti culturalmente vari, il che porterebbe poi a una minor scelta e a prezzi più elevati in alcuni territori, influenzando il settore e-commerce e l'accesso transfrontaliero ai contenuti pay-TV.

Peter Dinges, presidente degli EFAD e rappresentante dei direttori delle agenzie cinematografiche di 31 Paesi europei, ha spiegato: "Senza le licenze territoriali, si avrebbero meno investimenti in film europei, un minor numero di co-produzioni, meno concorrenza, e, infine, un minore accesso per il pubblico europeo a una varietà di opere culturali. L'impatto di questo regolamento può essere devastante per le opere e le serie audiovisive europee. Pertanto, le agenzie cinematografiche europee fanno appello alle istituzioni europee per cambiare quest'approccio".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy