email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CINÉMAMED 2016 Premi

Fiore di Claudio Giovannesi Grand Prix del Festival Mediterraneo di Bruxelles

di 

- La giuria ha anche premiato Tramontane del regista libanese di origine armena Vatche Boulghourjian

Fiore di Claudio Giovannesi Grand Prix del Festival Mediterraneo di Bruxelles
Fiore di Claudio Giovannesi

Per la sua 16a edizione, la giuria del Festival del Cinema Mediterraneo di Bruxelles, presieduta dal regista belga Olivier Masset-Depasse, ha scelto di consacrare Fiore [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Claudio Giovannesi
scheda film
]
, quarto lungometraggio del regista italiano Claudio Giovannesi, un film forte e pudico su una storia d’amore impossibile tra due detenuti in un carcere minorile. La giuria ha anche premiato Tramontane [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del regista libanese di origine armena Vatche Boulghourjian, traiettoria commovente di un giovane cantante cieco che percorre il Libano attuale in cerca delle sue origini. Scoperto alla Semaine de la Critique a Cannes, il film ha ricevuto di recente il Premio della miglior scoperta al Festival di Namur. La giuria ha inoltre attribuito una menzione al film israeliano Una settimana e un giorno [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Asaph Polonsky

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La giuria giovane e la giuria Cineuropa hanno invece scelto di premiare un’opera prima, Park [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sofia Exarchou
scheda film
]
di Sofia Exarchou, che esplora, dieci anni dopo le Olimpiadi, il sito del villaggio olimpico, teatro di rovine frequentato da giovani nullafacenti e atleti in pensione. Park aveva già ricevuto il Premio dell’opera prima a San Sebastian.

Va al regista egiziano Mohamed Diab (Les Femmes du bus 678) il Premio della critica  per Clash [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, suo sconvolgente film sulla rivoluzione egiziana e le conseguenze della destituzione di Mohamed Morsi. Il film segue l’arresto di una decina di militanti di origini e convinzioni diverse, costretti a dialogare per uscirne. La pellicola aveva aperto la sezione Un certain regard a Cannes.

Infine, è Tour de France [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rachid Djaïdani
scheda film
]
, secondo film di Rachid Djaïdani (Rengaine [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rachid Djaïdani
scheda film
]
), che scruta l’incontro atipico tra Gérard Depardieu e il rapper Sadek, ad essersi aggiudicato il favore del pubblico.

Il palmarès:

Grand Prix
Fiore [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Claudio Giovannesi
scheda film
]
- Claudio Giovannesi (Italia)

Premio della giuria
Tramontane [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Vatche Boulghourjian (Libano/Francia/Qatar/Emirati Arabi Uniti)

Menzione speciale della Giuria
Una settimana e un giorno [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 - Asaph Polonsky (Israele)

Premio della giuria giovane
Park [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sofia Exarchou
scheda film
]
- Sofia Exarchou (Grecia/Polonia)

Premio della critica
Clash [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Mohamed Diab (Egitto/Francia)

Premio Cineuropa
Park - Sofia Exarchou

Premio del pubblico
Tour de France [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rachid Djaïdani
scheda film
]
- Rachid Djaïdani (Francia)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.