email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINO 2017 Mercato / Francia

KinoElektron al Co-Production Market con Lost Country

di 

- BERLINO 2017: La società parigina presenta a Berlino il progetto di opera seconda di Vladimir Perisic e ha svelato Drôles d'oiseaux al Forum

KinoElektron al Co-Production Market con Lost Country
Un'immagine promozionale di Lost Country

La 67a Berlinale (dal 9 al 19 febbraio 2017) sorride alla società di produzione francese KinoElektron diretta da Janja Kralj. La struttura parigina ha infatti presentato in prima internazionale nella sezione Forum Drôles d’oiseaux [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Elise Girard
scheda film
]
di Elise Girard che ha ricevuto una buona accoglienza critica. Il titolo è venduto all’European Film Market da Movies Partners in Motion Film (MPM Film) e sarà distribuito in Francia in primavera da Shellac. E dal 12 febbraio e fino a domani sera, KinoElektron è in azione al 14° Berlinale Co-Production Market con Lost Country di Vladimir Perisic, che è stato selezionato per questo evento che riunisce più di 550 professionisti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Apprezzato alla Semaine de la Critique del Festival di Cannes 2009 con il suo primo lungometraggio, l’affascinante e implacabile Ordinary People, il serbo Vladimir Perisic ha lavorato di nuovo alla scrittura del suo nuovo progetto con la francese Alice Winocour (co-sceneggiatrice di Mustang [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Deniz Gamze Ergüven
scheda film
]
e che ha anche diretto in solitario Augustine [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e Maryland [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alice Winocour
scheda film
]
). Lost Country racconta la storia di una famiglia comunista yugoslava nello sguardo di un bambino, Stefan. Il film segue la sua evoluzione attraverso i grandi sconvolgimenti del paese: dall’infanzia prima della guerra all’adolescenza, quando compaiono la violenza e il caos, fino alla morte di suo nonno che lo proietta nell’età adulta. Ma con quale eredità? Il progetto che ha appena ottenuto al Co-Production Market berlinese il premio ARTE international (leggi la news) associa in produzione Janja Kralj per KinoElektron, Marie-Pierre Macia per MPM e Vladimir Perisic per Trilema.

KinoElektron è attualmente in piena effervescenza poiché la società è anche coproduttrice di Frost [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sharunas Bartas
scheda film
]
del lituano Sharunas Bartas (le cui riprese sono da poco terminate con protagonisti Vanessa Paradis e il polacco Andrzej Chyra - una coproduzione Studija Kinema, KinoElektron, Reborn Production, Insight Media Ltd/Tato Film, Donten & Lacroix le cui vendite sono gestite da Luxbox - leggi la news), del documentario Good Luck di Ben Russell (girato in Super 16 nelle comunità minerarie in Serbia e Surinam - premiato a dicembre al Work-in-progress del Festival del Cinema Europeo di Les Arcs) e del secondo lungometraggio della greca Elina Psykou (al Forum della Berlinale 2013 con The Eternal Return of Antonis Paraskevas [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Elina Psykou
scheda film
]
): Le Fils de Sofia (coproduzione Francia-Grecia-Bulgaria - articolo).

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.