email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PREMI Austria

Peter Simonischek, Tobias Moretti e Egon Schiele brillano ai Romy

di 

- Alla 28a cerimonia dei premi della televisione e del cinema austriaci, l’attore di Toni Erdmann è stato incoronato per la carriera e Moretti è diventato il recordman dei Romy

Peter Simonischek, Tobias Moretti e Egon Schiele brillano ai Romy
L'attore Peter Simonischek, con il suo Romy di platino alla carriera (© Kurier)

L’acclamato interprete della coproduzione austro-tedesca Toni Erdmann [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Maren Ade
scheda film
]
, l’attore originario di Graz Peter Simonischek, ha ricevuto sabato sera (22 aprile), durante la 28a cerimonia dei Romy della televisione e del cinema austriaci, organizzata dal quotidiano Kurier e il canale pubblico ORF, un Romy di platino alla carriera.

I Romy, inizialmente riservati al settore della televisione (sebbene rappresentati da una statuettta di Romy Schneider in La Piscine), si sono aperti al cinema nel 2010 e alcuni sono attribuiti dal pubblico (premio di popolarità) e altri (i cosiddetti Romy "dell’Accademia") da una giuria composta da otto giornalisti specializzati, che emanano il loro verdetto qualche giorno prima. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Il Romy dell’Accademia del miglior lungometraggio di cinema è andato all’acclamato film di Maren Ade. Il Romy di platino dell’Accademia è stato attribuito alla costumista Birgit Hutter (North Face - Una storia vera [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Young Goethe in Love [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
).

L’altro interprete protagonista della serata all’Hofburg di Vienna è stato Tobias Moretti, che ha ricevuto per il suo ruolo in Cold Hell [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
il suo ottavo Romy, quello dell’attore più popolare, diventando il recordman di questi premi nazionali. Il thriller di Stefan Ruzowitzky (Il falsario [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) si è distinto anche presso la giuria professionale, aggiudicandosi i Romy della miglior regia e della miglior fotografia (Benedict Neuenfels) per un lungometraggio di cinema.

Il Romy dell’attrice più popolare ha ricompensato per la quarta volta Ursula Strauss, per il suo ruolo nel film Fly Away Home [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 di Mirjam Unger e per il suo lavoro in televisione. L’attrice ha avuto la meglio su quattro colleghe eccellenti: Pia Hierzegger (Wild Mouse [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Josef Hader
intervista: Josef Hader
scheda film
]
), Julia Koschitz, Anna Maria Mühe e Franziska Weisz.

Sempre sul fronte cinema, il Romy del miglior documentario è stato assegnato a Ruth Rieser per un film dedicato a uno dei drammaturghi austriaci più conosciuti all’estero, Peter Turrini: Return to My Point of Origin [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

Un altro film dedicato a un artista è stato premiato: il Romy della miglior produzione è andato a Franz Novotny e Alexander Glehr (di Novotny & Novotny Filmproduktion) e a Bady Minck e Alexander Dumreicher-Ivanceanu (della società Amour Fou) per Egon Schiele: Death and the Maiden [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Dieter Berner, distintosi anche con Hilde Berger per la sceneggiatura del film, che è valso ai suoi due giovani interpreti, Noah Saavedra e Valerie Pachner, i premi della miglior promessa maschile e della miglior promessa femminile.

Infine, il nuovo Romy internazionale è stato assegnato allo sceneggiatore britannico e grande esperto del racconto storico Peter Morgan, per la serie Netflix The Crown.

Tutti i vincitori dei Romy cinema 2017:

Romy dell’Accademia

Miglior film
Toni Erdmann [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Maren Ade
scheda film
]
- Maren Ade

Miglior documentario
Peter Turrini: Return to My Point of Origin [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 - Ruth Rieser

Miglior regia
Stefan Ruzowitzky - Cold Hell [+leggi anche:
trailer
scheda film
]

Miglior sceneggiatura
Dieter Berner, Hilde Berger - Egon Schiele: Death and the Maiden [+leggi anche:
trailer
scheda film
]

Miglior fotografia
Benedict Neuenfels - Cold Hell

Miglior produzione
Franz Novotny, Alexander Glehr, Bady Minck, Alexander Dumreicher-Ivanceanu - Egon Schiele: Death and the Maiden

Miglior promessa maschile
Noah Saavedra - Egon Schiele: Death and the Maiden

Miglior promessa femminile
Valerie Pachner - Egon Schiele: Death and the Maiden

Romy internazionale
Peter Morgan (sceneggiatore)

Romy di platino dell’Accademia alla carriera
Birgit Hutter (costumista)

Romy del pubblico

Attore più popolare
Tobias Moretti - Cold Hell

Attrice più popolare
Ursula Strauss - Fly Away Home [+leggi anche:
trailer
scheda film
]

Romy di platino alla carriera
Peter Simonischek

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy