email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BIF&ST 2017

Tutto quello che vuoi: memoria, poesia e generazioni a confronto

di 

- Giuliano Montaldo e l’esordiente Andrea Carpenzano sono i protagonisti del nuovo film da regista di Francesco Bruni, in anteprima mondiale al Bif&st di Bari e nelle sale italiane l’11 maggio

Tutto quello che vuoi: memoria, poesia e generazioni a confronto
Andrea Carpenzano e Giuliano Montaldo in Tutto quello che vuoi

La malattia di suo padre, il trasloco nel quartiere romano di Trastevere, il romanzo di un suo ex allievo al Centro Sperimentale di Cinematografia: sono gli spunti che combinati insieme hanno portato Francesco Bruni a creare l’universo di Tutto quello che vuoi [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, suo terzo film da regista, un’opera particolarmente sentita che mischia elementi autobiografici e invenzione romanzesca, la guerra sugli Appennini e la tipica indolenza romana, mettendo a confronto due generazioni, quella dei giovani di oggi e quella dei loro nonni, con tenerezza e garbato umorismo.  

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Presentato in anteprima mondiale all’8° Bif&st di Bari (22-29 aprile), il nuovo film di questo attivissimo sceneggiatore (per Virzì, Calopresti, Molaioli, fra gli altri), già passato dietro la macchina da presa con Scialla! [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Noi 4 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, mette al centro della scena un’accoppiata inedita di interpreti: Giuliano Montaldo, il veterano 87enne regista di Sacco e Vanzetti al suo primo ruolo da protagonista al cinema, e un esordiente puro, il 21enne romano verace Andrea Carpenzano. Il primo incarna Giorgio, poeta ultraottantenne dimenticato e affetto da Alzheimer; il secondo è Alessandro, ventenne nullafacente che passa le giornate al bar con gli amici e a sedurre la bella tabacchiera del quartiere (Donatella Finocchiaro). Costretto da suo padre (Antonio Gerardi), il ragazzo accetta malvolentieri un lavoro come accompagnatore di Giorgio nelle sue passeggiate pomeridiane al parco e per le strade di Trastevere, dove vivono entrambi. 

L’incontro/scontro tra due mondi e generazioni così distanti non tarderà a dar vita a situazioni spiritose e paradossali. Alessandro entra nella vita di questo elegante signore e un po’ gliela sconvolge: lui e i suoi amici gli invadono casa, lo fanno divertire, fumare, bere, giocare alla playstation. L’Alzheimer di Giorgio è rappresentato con affetto, nel suo lato più buffo: il vecchio signore non azzecca un nome, fa gaffe, sembra immerso in un’altra epoca. Ed è proprio da un’altra epoca, quella della Seconda guerra mondiale, che riemergono alcuni suoi ricordi, sulla base dei quali partirà una vera e propria caccia al tesoro. Liberamente ispirato al libro Poco più di niente di Cosimo Calamini (ed. Garzanti), a un certo punto il film prende infatti un’altra strada, quella del road movie, alla ricerca di un “regalo” degli americani lasciato a Giorgio oltre settant’anni prima nel cuore dell’Appennino tosco-emiliano. Un’avventura rocambolesca con esiti, ovviamente, inaspettati.

Ma non si sorride solo, in questo film scritto interamente da Bruni. Motivi di commozione ci sono, ma non vi si insiste mai, a un momento drammatico ne segue sempre uno più leggero: “E’ un film tutto in controtempo”, spiega il regista, che per la sceneggiatura si è ispirato anche ai ricordi di suo padre adolescente a Pisa, coi militari americani, “temevo l’enfasi, così ho seguito la regola di andare sempre contro il sentimento che avevo appena provocato”. Un film sulla memoria e sul dialogo tra generazioni che ha il suo momento più bello quando il giovane protagonista dimostra di aver assorbito l’insegnamento del vecchio poeta, e lo fa senza retorica, col tono scanzonato che caratterizza tutto il film.

Prodotto da IBC Movie con Rai Cinema, Tutto quello che vuoi uscirà in sala l’11 maggio con 01.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy