email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BAFICI 2017

Dhogs: tra cani e maiali

di 

- Prima mondiale al festival argentino per questo stimolante e sorprendente thriller galiziano, carico di mistero e diretto in modo viscerale dall’esordiente Andrés Goteira

Dhogs: tra cani e maiali
Miguel de Lira in Dhogs

Il titolo Dhogs [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
nasce dalla combinazione dei termini “dogs” (cani: animali sottomessi e obbedienti) e “hogs” (maiali, sporchi e perversi): gli uni e gli altri compaiono in questo film e non tutti abbaiano o camminano a quattro zampe. Girato in Galizia e Almería, segna lo spettacolare debutto di Andrés Goteira, un cineasta che ha sicuramente divorato tanti western, film di David Lynch e di Scorsese, L’ultima seduzione di John Dahl e il brutale Storie pazzesche [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Damián Szifron. Il film ha avuto la sua prima mondiale questo giovedì, 27 aprile, al 19º Buenos Aires Festival Internacional de Cine Independiente, nella sezione ufficiale competitiva Vanguardia y Género, e tutto sembra indicare che abbiamo davanti un nuovo talento – che sarà da tenere d’occhio – del cinema spagnolo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Parlato in galiziano e sceneggiato dallo stesso regista, Dhogs ha come telaio strutturale il caso, su cui convergono le sue diverse storie e che permette ai personaggi di incontrarsi... casualmente. Una donna che non risponde ai cliché del suo genere, un uomo d'affari, un tassista (travestito?), un tipo duro, un impiegato coi capelli troppo lunghi per sua madre... sono alcuni dei suoi animali. Il bancone di un bar, una stanza d'albergo, un distributore di benzina, una capanna nel deserto, una macchina nella notte... sono gli scenari in cui queste creature si muovono. Perché quando la camera si gira verso la quarta parete, vediamo il pubblico che li guarda: forse siamo noi stessi, partecipi di un gioco o osservatori di un futuro che qualcuno, quando meno te l'aspetti, ha deciso. Dice il regista: "Mi interessavano molto i cambi di prospettiva e gli sguardi da diversi punti di vista", e ha centrato l'obiettivo molto bene.

Interpretato da Antonio Durán ‘Morris’, Miguel de Lira (questi due magnifici attori hanno già lavorato insieme in A esmorga [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, altra cannonata galiziana), Carlos Blanco, Melania Cruz, Iván Marcos e María Costas, questo film avvincente, inquietante, intrigante, violento e brutale è il biglietto da visita di Andrés Goteira, nato a Meira (Lugo) e formatosi all’Università di Vigo, che ha lavorato come disegnatore e montatore, oltre a dirigere in precedenza vari cortometraggi, come O PaqueteA Porta e Dous días dicen.

Dhogs è una coproduzione di Gaitafilmes e Pixel Films, che conta sulla collaborazione di La Panificadora Estudios. E’ stato girato in location galiziane come Viveiro, As Pontes, A Coruña e Oleiros, e anche nel paesaggio polveroso di Almería. Il film è stato finanziato da più di 300 piccoli investitori attraverso il crowdfunding ed è stato sovvenzionato da Agadic e la Giunta Provinciale di Lugo. E’ patrocinato inoltre da Galipizza, Cerveza Áncora e il Municipio di Meira, con la collaborazione dei Municipi di Viveiro, A Coruña, Oleiros e la Giunta di Almería, fra gli altri. L’agente di vendite internazionali è la parigina Stray Dogs.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy