email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2017 Mercato / Francia

Orizzonti europei per Wide Management

di 

- La società parigina presenterà al Marché du Film titoli provenienti da Romania, Polonia, Finlandia, Lituania e Kosovo

Orizzonti europei per Wide Management
The Marriage di Blerta Zeqiri

Fedele alla sua linea editoriale che esplora tutti i territori europei, Wide Management, la struttura parigina di vendite internazionali diretta da Loïc Magneron si presenterà al Marché du Film del 70° Festival di Cannes (dal 17 al 28 maggio 2017) con una ricca line-up. Vi figura in particolare The Father, il nuovo progetto del duo bulgaro Kristina Grozeva - Petar Valchanov (scoperto a Toronto e premio della sezione Nuovi Registi a San Sebastian nel 2014 con The Lesson [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Kristina Grozeva, Petar Va…
intervista: Margita Gosheva
scheda film
]
, apprezzato l’anno scorso in competizione a Locarno con Glory [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Petar Valchanov
intervista: Petar Valchanov, Kristina …
scheda film
]
). In quello che sarà il loro terzo lungometraggio, i due cineasti hanno deciso di esplorare il tema dei molteplici livelli di incomunicabilità e dei circoli viziosi che ne conseguono, attraverso un racconto  che comincia con un funerale ed è incentrato su un padre un po’ eccentrico e suo figlio che cerca di farlo ragionare. La produzione spetta ai bulgari di Abraxas Film con i greci di Graal Films, gli italiani di Dorje Film e la piattaforma Eye on Films.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
Cineuropa Survey 2020

Proiezioni su invito sono in programma per cinque titoli arrivati di recente in line-up. Tra questi, Pororoca [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Constantin Popescu
scheda film
]
del rumeno Constantin Popescu (leggi l’articolo), incentrato su una coppia felice che vede uno dei due figli scomparire. Sarà inoltre mostrato ai compratori Once Upon A Time In November [+leggi anche:
trailer
intervista: Andrzej Jakimowski
scheda film
]
del polacco Andrzej Jakimowski che si svolge a Varsavia nel novembre 2013 e segue una madre e un figlio privati all’improvviso della loro casa e che si ritrovano per strada in una società in cui il nazionalismo estremista si sviluppa a gran velocità.

Proiezione privata anche per la produzione kosovara The Marriage di Blerta Zeqiri la cui trama comincia nelle due settimane precedenti il matrimonio di una coppia che vede risorgere un personaggio del passato di uno dei due, il che complica molte cose.

Distributori e programmatori dei festival potranno inoltre scoprire Miracle [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Eglė Vertelytė
scheda film
]
di Egle Vertelyte, una coproduzione lituano-bulgara che racconta le disavventure di una coppia che gestisce un'azienda di Stato in difficoltà e che vede arrivare un affascinante americano che intende salvare l’impresa ma che forse ha qualche retropensiero…   

Tra le proiezioni riservate, infine, il lungometraggio finlandese Euthanizer di Teemu Kikki che ruota attorno alla lotta di due uomini per un cane che il suo proprietario vuole far sopprimere.

Tra le proiezioni "ufficiali" previste al Marché du Film spicca la commedia noir Moi et le Che [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 di Patrice Gautier con Patrick Chesnais nei panni di un professore di liceo anziano che sostiene di essere stato al fianco di Che Guevara in Bolivia nel 1967. Ma saranno mostrati anche la coproduzione albano-greca Daybreak [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Gentian Koçi
scheda film
]
di Gentian Koçi, il dramma britannico Romans [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Ludwig e Paul Shalmmasian, Waterboys [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell’olandese Robert Jan Westdijk, il film serbo The Samurai in autumn [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Danilo Beckovic e Secret Ingredient [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Blagoj Veselinov
intervista: Gjorce Stavreski
scheda film
]
di Gjorce Stavreski (produzione tra la Macedonia e la Grecia).

Si segnala infine il progetto Negativ Numbers del georgiano Ute Beria che si immerge in un centro di detenzione per giovani delinquenti a Tbilissi dove due ex giocatori di rugby professionisti tentano di dare ai detenuti un’apertura sul mondo esterno grazie allo sport, mentre il clima all’interno dell’edificio è esplosivo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.