email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Italia

Mostra di Pesaro senza barriere

di 

- Film di finzione, critofilm, video-essay, cinema per il reale, 35mm, 16mm e Super8, video installazioni, sonorizzazioni dal vivo alla 53a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema, dal 17 al 24 giugno

Mostra di Pesaro senza barriere
António Um Dois Três di Leonardo Mouramateus

La 53a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema, che si terrà a Pesaro dal 17 al 24 giugno, prosegue il suo lavoro di ricerca delle forme più innovative del linguaggio cinematografico contemporaneo: “Film di finzione, critofilm, video-essay, cinema per il reale, film inteso proprio come pellicola in 35mm, 16mm e Super8, video installazioni, sonorizzazioni dal vivo; tutto questo è la Mostra di Pesaro senza barriere di formati, durate, catalogazioni. Nuovo cinema oggi è l’apertura più totale all’ibridazione delle forme cinematografiche segnate sempre da un’originale ricerca linguistica” dice Pedro Armocida, direttore del festival presieduto da Bruno Torri.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

A decretare il vincitore del Premio Lino Miciché, la sezione con opere prime o seconde in anteprima mondiale, internazionale o italiana, sarà una giuria di studenti affiancata da João Botelho, Mario Brenta e Valentina Carnelutti. Il concorso include António Um Dois Três [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Leonardo Mouramateus
scheda film
]
, opera prima del giovanissimo brasiliano Leonardo Mouramateus coprodotta dal Portogallo, che adatta Le notti bianche di Fëdor Dostoevskij; The First Shot, diretto da Yan Cheng e Federico Francioni, dei quali la Mostra aveva selezionato nella scorsa edizione il corto Tomba del tuffatore; d’ambientazione cinese è anche Children Are Not Afraid of Death, Children Are Afraid of Ghosts di Rong Guang Rong che mescola sapientemente documentario e sequenze d’animazione; il francese Jean-Gabriel Périot con Lumières d’été [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
imbastisce a Hiroshima una potente riflessione sulla Memoria; francese è anche Elise Girard, la regista di Drôles d’oiseaux [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Elise Girard
scheda film
]
, sulla relazione che si instaura a Parigi tra la giovane Maive e un anziano e disilluso librario (Jean Sorel); People That Are Not Me [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, opera prima  dell’israeliana Hadas Ben Aroya, è un vivido racconto della gioventù di Tel Aviv; Baba Vanga [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
della polacca Aleksandra Niemczyk, allieva di Bèla Tarr, è su una veggente realmente esistita; Sexy Durga di Sanal Kumar Sasidharan, è viaggio nella notte indiana in un villaggio del Kerala.

L’evento speciale è dedicato quest’anno alla figura dell’attore nel cinema italiano contemporaneo, al quale prenderanno parte anche interpreti come Jasmine Trinca e Blue Yoshimi, protagonisti di proiezioni e dibattiti. Tra le retrospettive di questa edizione una è dedicata al cineasta francese Nicolas Rey, mentre un’altra porta finalmente in Italia il cinema dello spagnolo Pedro Aguilera, compreso il suo ultimo film Demonios tus ojos [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pedro Aguilera
scheda film
]
. Proiezioni speciali sono invece riservate a Belle Dormant [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ado Arrietta
scheda film
]
, ultimo lavoro di Ado Arrietta, e all’omaggio a Manoel de Oliveira da parte del giurato João Botelho, a cui si aggiunge un ricordo alla memoria di Philippe Cote. Omaggio anche a Roberto Rossellini, nel quarantesimo anniversario della sua scomparsa.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy