email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Francia

Fabrice Luchini e Leïla Bekhti per Un homme pressé

di 

- Primo ciak a breve per il film di Hervé Mimran guidato da Albertine Productions e venduto nel mondo da Gaumont

Fabrice Luchini e Leïla Bekhti per Un homme pressé
L'attore Fabrice Luchini e l'attrice Leïla Bekhti

Il 23 maggio cominciano le riprese di Un homme pressé [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, terzo lungometraggio di Hervé Mimran dopo Tout ce qui brille [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(1,4 milioni di entrate in Francia nel 2010 e nominato al César 2011 della miglior opera prima) e Nous York [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(614 000 entrate nel 2012), due film che aveva co-diretto con Géraldine Nakache. Per la sua prima opera in solitario, il cineasta ritroverà Leïla Bekhti (César 2011 della miglior promessa per Tout ce qui brille, nominata al César 2012 della miglior attrice per La sorgente dell’amore [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e ammirata in Une vie meilleure [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cédric Kahn
scheda film
]
, L'Astragale [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Nous trois ou rien [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) che è protagonista con Fabrice Luchini (Coppa Volpi della miglior interpretazione femminile a Venezia nel 2015 per La corte [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, nominato sei volte al César del miglior attore - nel 1991, 1997, 2013 per Nella casa [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, 2014 per Molière in bicicletta [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, 2016 per La corte e 2017 per Ma Loute [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Bruno Dumont
scheda film
]
). Nel cast c’è anche Igor Gotesman (Five [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Scritta da Hervé Mimran con la collaborazione di Hélène Fillières dal racconto autobiografico J'étais un homme pressé di Christian Streiff (che dirigeva il gruppo automobilistico PSA Peugeot Citroën nel 2008 quando ha avuto l'incidente al centro del suo libro), la sceneggiatura è incentrata su Alain, un uomo d’affari sotto pressione, che corre dietro il tempo. Nella sua vita non c’è spazio per il tempo libero o la famiglia. Fino al giorno in cui un ictus gli fa perdere l’uso della lingua e utilizzare una parola al posto di un’altra! All’ospedae, viene preso per mano da Jeanne, una giovane logopedista che gli insegna nuovamente, come a un bambino, il linguaggio e la pazienza. Alain comprende che, anche se si è perso una parte della sua vita, tutto è ancora possibile: dai piccoli piaceri della vita alla riconciliazione con sua figlia.

Prodotto da Matthieu Tarot per Albertine Productions, Un homme pressé è coprodotto da France 2 Cinéma e Gaumont (che guiderà la distribuzione in Francia e le vendite internazionali). Pre-acquistato da Canal+ e Ciné+, il film sarà girato in Ile-de-France con Jérôme Alméras (nominato al Lumière della sua specialità nel 2014 per Quai d'Orsay [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e lo stesso anno al David di Donatello per Il capitale umano [+leggi anche:
trailer
intervista: Paolo Virzì
scheda film
]
) alla direzione della fotografia.

Albertine Productions, che ha al suo attivo La corte di Christian Vincent, Gemma Bovery [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Anne Fontaine, Une histoire d'amour [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Hélène Fillières e Arès [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jean-Patrick Benes, ha lanciato il mese scorso nelle sale Problemos [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Eric Judor.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy