email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Bosnia-Erzegovina / Slovenia / Croazia / Germania / Serbia

La Bosnia porta Men Don't Cry in competizione a Karlovy Vary

di 

- Il primo film di Alen Drljević vanta tutte stelle del panorama attoriale balcanico, tra cui Leon Lučev, Boris Isaković ed Emir Hadžihafizbegović

La Bosnia porta Men Don't Cry in competizione a Karlovy Vary
Men Don't Cry di Alen Drljević

Il primo film di finzione del regista bosniaco Alen Drljević, Men Don't Cry [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alen Drljević
scheda film
]
, sarà proiettato nel quadro della competizione internazionale al  Karlovy Vary Film Festival. Il cast vanta tutte stelle del panorama attoriale balcanico, come i croati Leon Lučev (The Black Pin [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ivan Marinovic
scheda film
]
, Circles [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Srdan Golubovic
scheda film
]
) e Ivo Gregurević (Ungiven [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, The Reaper [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Zvonimir Jurić
scheda film
]
), il serbo Boris Isaković (Requiem for Mrs. J. [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Bojan Vuletić
scheda film
]
, A Good Wife [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), Emir Hadžihafizbegović (These Are the Rules [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Death of a Man in the Balkans [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Boris Ler (Circus Columbia [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Danis Tanovic
scheda film
]
) e Ermin Bravo (Love Island [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) della Bosnia-Erzegovina e Sebastian Cavazza (Nika [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Il sentiero [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) della Slovenia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Men Don't Cry racconta la storia di una terapia psicodrammatica, che si svolge interamente in un hotel tra le montagne bosniache. Un gruppo di pacifisti riunisce alcuni veterani, segnati dalla guerra a cui hanno preso parte da schieramenti contrapposti, e li mette nella condizione di condividere le loro esperienze di guerra e di cercare di stabilire una certa fiducia e confidenza gli uni negli altri. La lancetta delle emozioni si alza quando riemergono rancori e ostilità, ma i partecipanti imparano gradualmente a superare le loro divisioni e approdano a una sorta di reciproca comprensione e mutuo rispetto, o almeno tolleranza, nonostante gli spargimenti di sangue del passato.

Drljević, che ha scitto la sceneggiatura insieme a Zoran Solomun (For Those Who Can Tell No Tales [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), si è imposto al pubblico internazionale con il corto Paycheck nominato agli EFA 2005 ed entrato nella Top Ten Movies That Matter dell'IDFA con Carnival nel 2006.

La fotografia di Men Don't Cry è del bosniaco Erol Zubčević (Death in Sarajevo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Danis Tanovic
scheda film
]
, A Good Wife) e il montaggio del croato Vladimir Gojun (Houston, We Have a Problem! [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Žiga Virc
scheda film
]
). È stato prodotto da Jasmila Žbanić e Damir Ibrahimović per la bosniaca Deblokada, e coprodotto dalla slovacca Iridium Film, dalla croata Produkcija Ziva, dalla tedesca Manderlay Film e dalla serba This & That Production, con la partecipazione di ZDF/Arte e della rete nazionale bosniaca, Federal TV.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy