email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Portogallo

Filthy e The Road Movie conquistano i premi maggiori del FEST

di 

- Si è concluso ieri il festival di Espinho con la proiezione delle pellicole vincitrici

Filthy e The Road Movie conquistano i premi maggiori del FEST
Filthy di Tereza Nvotová

La 13a edizione del FEST – New Directors, New Films Festival si è chiusa ieri con un film ceco e uno bielorusso che hanno strappato i due premi principali. La Lince d’Oro per il miglior film è andata a Filthy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tereza Nvotová
scheda film
]
di Tereza Nvotová. Già in concorso all’International Film Festival Rotterdam di quest’anno, il dramma racconta di una diciassettenne che è stata violentata dal suo insegnante e che sta cercando di superare il trauma. La Lince d’Oro per il miglior documentario è invece andata a The Road Movie di Dmitrii Kalashnikov, un documentario di osservazione realizzato video provenienti da telecamere poste sul cruscotto di alcuni automobilisti russi. L’idea iniziale era quella di prevenire eventuali conflitti, ma il risultato è piuttosto differente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
tourmaletfilms_rotterdam

Le Linci d’Argento sono state consegnate a corti di varie sezioni e i talenti europei sono ben distribuiti. Il corto polacco Apocalypse di Justyna Mytnik ha vinto nella sezione sperimentale, ma per il Belgio è stato un trionfo con tre produzioni vincitrici nelle categorie Miglior Cortometraggio, Miglior Cortometraggio Documentario e Miglior Cortometraggio d'Animazione con, rispettivamente, Downside Up di Peter Ghesquière, Homeland di Sam Peeters e Antarctica di Jeroen Ceulebrouck.

Il Gran Premio Nazionale è andato a Maria sem Pecado di Mário Macedo, mentre Um Refúgio Azul di João Lourenço e 78.4 Rádio Plutão di Tiago Amorim hanno ricevuto una menzione d’onore. La sezione NEXXT, organizzata in collaborazione con varie scuole di cinema internazionali, ha premiato il film ungherese Bond di Judit Wunder.

Oltre le proiezioni e le premiazioni, anche quest’anno il FEST ha dimostrato di essere un evento di alta qualità con la sua sezione parallela Training Ground, che promuove lo scambio intergenerazionale di esperienze, dando agli studenti di cinema e ai giovani professionisti l'opportunità di partecipare a master class di attori come Nuno Lopes, Melissa Leo, Allan Starski e Edward Lachman, tra gli altri.

Ecco la lista completa dei vincitori:

Lince d'Oro al Miglior Film 
Filthy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tereza Nvotová
scheda film
]
– Tereza Nvotová (Repubblica Ceca/Slovacchia)

Lince d'Oro al Miglior Documentario 
The Road Movie – Dmitrii Kalashnikov (Bielorussia)

Premio del Pubblico al Miglior Film 
Sacred Water – Olivier Jourdain (Belgio/Ruanda)

Premio del Pubblico al Miglior Cortometraggio
A Instalação do Medo – Ricardo Leite (Portogallo)

Lince d'Argento al Miglior Cortometraggio
Downside Up – Peter Ghesquière (Belgio)

Lince d'Argento al Miglior Cortometraggio Documentario
Homeland – Sam Peeters (Belgio)

Lince d'Argento al Miglior Cortometraggio Sperimentale
Apocalypse – Justyna Mytnik (Polonia)

Lince d'Argento al Miglior Cortometraggio d'Animazione
Antarctica – Jeroen Ceulebrouck (Belgio)

Gran Premio Nazionale
Maria Sem Pecado – Mário Macedo (Portogallo)

Menzioni d’onore
Um Refúgio Azul – João Lourenço (Portogallo)
78.4 Rádio Plutão – Tiago Amorim (Portogallo)

Premio NEXXT
Bond – Judit Wunder (Ungheria) 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy