email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

OSCAR 2018 Finlandia

Tom of Finland mira a sconvolgere agli Oscar

di 

- Il ritratto dell'artista finlandese Touko Laaksonen, dipinto da Dome Karukoski, sarà il candidato finlandese per la nomination agli Oscar per il Miglior film straniero

Tom of Finland mira a sconvolgere agli Oscar
Tom of Finland di Dome Karukoski

Tom of Finland [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Dome Karukoski
scheda film
]
, del regista finlandese Dome Karukoski, in apertura al Göteborg International Film Festival di quest'anno e selezionato per gli European Film Awards 2017, è stato scelto lunedì scorso (4 settembre) dal Comitato finlandese degli Oscar come candidatura nazionale agli Academy Award per la nomination al Miglior film straniero.

“È lo splendido ritratto di uno dei finlandesi più famosi a livello internazionale, un film ambientato nel passato, magnificamente disegnato e girato”, ha commentato il comitato, con particolare riferimento all'interpretazione dell'attore principale Pekka Strang, che ha portato sullo schermo la vita straordinaria dell'artista finlandese Touko Laaksonen.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

“Lo definivano osceno, è stata una rivoluzione” è la tagline di questo film biografico sull'artista “più influente come creatore di immagini pornografiche gay”, secondo lo storico della cultura americano Joseph W. Slade. Nato nel 1920 a Kaarina, nel sudovest della Finlandia, da genitori insegnanti, si trasferì a Helsinki nel 1939 per studiare pubblicità e iniziò a disegnare immagini erotiche per diletto. 

“A dire la verità, pensavo che Laaksonen fosse americano, sembrava americano e la Finlandia non era uno dei suoi mercati principali. Ho saputo che era finlandese quando è morto, nel 1991” racconta  Karukoski, a cui lo sceneggiatore-produttore finlandese Aleksi Bardy ha proposto l'idea di fare un film su di lui. Bardy ha infatti poi scritto e prodotto il film per la Helsinki Filmi.

“Durante i 20-23 anni in cui ha lavorato in un'agenzia pubblicitaria di Helsinki, viveva di notte le sue passioni, disegnando le sue utopie e le sue fantasie. Quando si è trasferito a Los Angeles, questa poté diventare la sua quotidianità – deve essere stato un momento rivoluzionario quando se ne è reso conto. Quello che mi ha sorpreso è che moltissimi non conoscono la sua storia”, ha concluso Karukoski. 

Raccontato da una prospettiva finlandese, Tom of Finland affronta la storica lotta mondiale per i diritti della comunità omosessuale. Dopo aver preso parte alla Seconda guerra mondiale, Laaksonen fa rientro in una desolata e conservatrice Finlandia post-bellica, dove l'omosessualità era illegale. Di conseguenza i suoi incontri sessuali e i suoi disegni dovevano rimanere segreti.  

Il film precedente di Karukoski, The Grump [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(2014), è il quarto film finlandese dal 2000 a superare le 400.000 entrate al cinema: con i suoi 458.637 biglietti staccati ha coperto il 27% del mercato cinematografico nazionale. Attualmente il regista si sta preparando per girare il suo primo film in lingua inglese, Tolkien, un biopic sull'autore americano JRR Tolkien, scritto da David Gleeson, con Nicholas Hoult e Lily Collins nei ruoli principali, e prodotto da Fox Searchlight e Chemin Entertainment.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.