email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINO 2018 Concorso

Recensione: Dovlatov

di 

- BERLINO 2018: Aleksei German Jr torna in concorso alla Berlinale con un ritratto retrogrado dell’Unione Sovietica degli anni ’70 che non dice niente di nuovo

Recensione: Dovlatov
Milan Maric (a sinistra) e Helena Sujecka (al centro) in Dovlatov

In Dovlatov [+leggi anche:
trailer
intervista: Milan Maric
scheda film
]
, proiettato in concorso alla 68a Berlinale, Aleksei German Jr esplora ancora una volta lo stato (mentale) sovietico, ma sfortunatamente, pianta la bandiera in un territorio che è già stato conquistato, mappato e attentamente misurato (vedi Loveless [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrey Zvyagintsev
scheda film
]
di Andrey Zvyagintsev o A Gentle Creature [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sergei Loznitsa
scheda film
]
di Sergei Loznitsa, per esempio).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

È autunno inoltrato, 1971. Si celebra l'anniversario della Rivoluzione d'Ottobre intorno alla città di Leningrado e uno dei suoi cittadini, l'aspirante scrittore Sergei Dovlatov, ha difficoltà a dormire. Ha sogni ricorrenti su Leonid Brezhnev, ma fortunatamente sono più noiosi che spaventosi. Così è la vita in Unione Sovietica: Stalin è morto da quasi 20 anni, ma il regime comunista che ha co-creato è molto vivo e detta la vita quotidiana di Homo Sovieticus.

German Jr ci offre un tour molto dettagliato di quel regno, ma con Dovlatov, uno scrittore della vita reale, dissidente e amico stretto del premio Nobel Joseph Brodsky, che agisce più come una vetrina che come una guida. Innanzitutto, il tour ci conduce nella casa di Sergei, un tipico appartamento comunale, abitato da troppe persone provenienti da una moltitudine di contesti diversi. Qui non c'è spazio per la privacy o l'individualità, e Dovlatov, con il suo spirito acuto e il suo ironico senso dell'umorismo, non potrebbe essere meno adatto. Lui non vi appartiene (e non vuole) – anche in senso letterale. Non è un membro del sindacato degli scrittori, quindi non può essere pubblicato, e quando gli viene data la possibilità di riferire su uno sciocco film "di compagnia" girato in un magazzino, non può scendere così in basso e scrive un pezzo che peggiora solo la sua situazione professionale. Oltre a ciò, si è separato da sua moglie, Elena, e condivide la custodia della figlia, di cui non può veramente usufruire. Di peggio, nella vita di Dovlatov, ci sarebbe solo l’essere spedito in un gulag, tuttavia potrebbe trarre ispirazione da lì per un romanzo, proprio come il collega scrittore Alexander Solzhenitsyn...

Purtroppo, il film appare in gran parte stantio. Dovlatov, a differenza del suo protagonista ironico e intellettualmente agile, non presenta una prospettiva unica sui tempi o sulle persone che mostra. Dall'altra parte, la narrativa visiva è certamente allettante; il direttore della fotografia polacco Łukasz Żal fa qualche riferimento all'estetica del realismo sociale e agli ultimi film di Andrzej Wajda, e crea un mondo che dà una sensazione al tempo stesso calda, rilassante e inquietante. Non ci sono quasi ombre nell'immagine, non ci sono angoli bui da nascondere all’onnipresente Grande Fratello e ai suoi onnipresenti servitori. German Jr sa perfettamente come scegliere i suoi direttori della fotografia – il suo precedente film, Under Electric Clouds [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, era stato premiato con un Orso d'argento al Contributo artistico eccezionale per la fotografia alla 65a Berlinale (grazie a Serhyi Mykhalchuk e Evgeniy Privin). È ironico che un film su uno splendido scrittore manchi di sostanza letteraria – e senza dubbio Dovlatov sarebbe il primo a fare un commento sarcastico su questo.

Dovlatov è un film russo-polacco-serbo, prodotto dalla russa SAGa, Metrafilms e Channel One, e coprodotto da Message Film (Polonia), Art&Popcorn (Serbia) e Lenfilm (Russia). Le vendite mondiali sono gestite da Alpha Violet.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.