email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BIFFF 2018

Il 36° BIFFF celebra più che mai il cinema di genere

di 

- Da 35 anni, il festival del film fantastico di Bruxelles punta i riflettori sul cinema di genere, nucleo di creazione e specchio dei suoi tempi

Il 36° BIFFF celebra più che mai il cinema di genere
Musa di Jaume Balaguero

Dal 3 al 15 aprile prossimi, il Brussels International Fantasy, Fantastic, Thriller and Science-Fiction Film Festival (BIFFF) difenderà ancora una volta anima e corpo il cinema di genere, un cinema un tempo passato di moda, che ha conosciuto negli ultimi anni uno spettacolare ritorno di fiamma, al punto che gli ultimi Oscar hanno consacrato uno dei maestri del genere, il regista Guillermo Del Toro. Prova dell’impatto mondiale del BIFFF? Il maestro in persona verrà a tenere una lezione di cinema a Bruxelles, co-animata dai suoi colleghi belgi Jonas Govaerts e Fabrice du Welz.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Per questa 36a edizione, quindi, il BIFFF si riserva qualche anteprima belga di prestigio, tra cui Musa [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Jaume Balaguero, o I Kill Giants [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Anders Walter, prodotto da Chris Colombus, due coproduzioni belghe, guidate rispettivamente da Frakas e Umedia. In apertura, il festival celebrerà uno dei registi faro del cinema francese, Pascal Laugier, con la programmazione in anteprima belga del suo nuovo film, Ghostland [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, con Mylène Farmer.

Il festival propone numerose competizioni, tra cui il concorso 7° Parallelo che conta 10 film, di cui 6 produzioni europee. La Competizione europea, che assegna un Méliès d’argento, e che dà accesso alla Competizione dei Méliès d’Oro, conta invece 12 film, tra cui due titoli belgi presentati in esclusiva: La Femme la plus assassinée du monde [+leggi anche:
intervista: Franck Ribière
scheda film
]
di Franck Ribière, prima produzione Netflix unitaria "made in Belgium", e Painkillers di Roxy Shih, un film belga… "made in America". 11 film prendono invece parte alla Competizione internazionale. Sebbene quest'ultima sia ampiamente dominata quest’anno da produzioni asiatiche, vi si ritrova un film scandinavo, Man Divided [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Max Kestner, una coproduzione tra Danimarca, Finlandia e Svezia.

Da notare infine che il BIFFF propone per il secondo anno il BIF Market, primo mercato di genere europeo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy