email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Macedonia del Nord

Il cinema europeo, internazionale e queer sotto i riflettori del festival di Skopje

di 

- Il 21esimo Festival di Skopje presenta una vasta gamma di film dal 19 al 26 aprile in Macedonia

Il cinema europeo, internazionale e queer sotto i riflettori del festival di Skopje
Year of the Monkey di Vladimir Blaževski

Dopo venti edizioni, il Festival di Skopje ritorna quest’anno nella capitale macedone, dal 19 al 26 aprile, con un programma che presenterà una succosa selezione di film provenienti da tutto il mondo. In questa 21esima edizione, il festival farà luce sul cinema europeo e internazionale, oltre a dare spazio alle recenti produzioni macedoni e a due sezioni tematiche: il Queer Focus e la retrospettiva su Alfred Hitchcock.                          

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il festival è iniziato ieri con la première mondiale del suo nuovo film del filmmaker nazionale Vladimir Blaževski, Year of the Monkey (una coproduzione tra Macedonia, Serbia, Slovenia e Kosovo). La selezione della produzione macedone, concentrata sui cortometraggi (sia film che documentari), presenterà tra l’altro i lavori di Igor Ivanov, Konstantin Plevnesh e Miliana Lenak

Per quanto riguarda i film europei, il programmatore Nawid Sarem ha messo insieme una manciata di sezioni che mettono in mostra alcuni degli ultimi titoli più rilevanti: Cuori puri [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Roberto De Paolis
scheda film
]
di Roberto De Paolis, ¾ [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ilian Metev
scheda film
]
di Ilian Metev, Valley of Shadows [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jonas Matzow Gulbrandsen
scheda film
]
di Jonas Matzow Gulbrandsen e Holiday [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Victoria Carmen Sonne
scheda film
]
di Isabella Eklöf saranno presentati nel programma cinema europeo, mentre i film più recenti di Nabil Ayouch, Muayad Alayan e Santiago Mitre, saranno nella sezione Panorama del cinema internazionale. Il focus sul cinema francese metterà in risalto nuovi talenti (La Surface de réparation [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Christophe Régin, Ava [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Léa Mysius
scheda film
]
di Léa Mysius, Les Garçons sauvages [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Bertrand Mandico
scheda film
]
di Bertrand Mandico e Petit Paysan [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hubert Charuel
scheda film
]
di Hubert Charuel) e il programma film d’autore darà il benvenuto a nomi celebri come quello dei fratelli Taviani.

Quest’anno, il focus speciale è dedicato al cinema queer, attraverso il quale, secondo le parole del programmatore Aleksandar Kovacevski, “il festival cercherà di aprirsi ad argomenti sulla cultura queer, riesaminare i contesti, le esperienze e le idee attraverso i film e creare uno spazio inclusivo dove le voci emarginate potranno essere ascoltate”. La sezione comprende The Misandrists [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Bruce LaBruce, Disobedience [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Sebastián Lelio, Marcio Reolon, Hard Paint di Filipe Matzembacher e Beach Rats di Eliza Hittman.

Il festival, organizzato con il patrocinio dell’Agenzia cinematografica macedone e della città di Skopje, prevede anche una retrospettiva su Alfred Hitchcock.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Francesca Miriam Chiara Leonardi)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy