email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2018 Semaine de la Critique

Recensione: Diamantino

di 

- CANNES 2018: Dopo diversi cortometraggi, Gabriel Abrantes e Daniel Schmidt impiegano la loro fertile immaginazione per creare un nobile omaggio all'innocenza in un mondo altrimenti pazzo

Recensione: Diamantino
Carloto Cotta in Diamantino

Vengono in mente parole stravaganti e bizzarre nel cercare di descrivere Diamantino [+leggi anche:
trailer
intervista: Gabriel Abrantes, Daniel S…
scheda film
]
in corsa alla 57a Semaine de la Critique come parte del  71° Festival del Cinema di Cannes. Alcuni spettatori avranno già familiarità con la raffica di cortometraggi ibridi (in particolare Pan pleure pas) nato dall'incontenibile immaginazione del regista americano-portoghese Gabriel Abrantes, che sta collaborando a questo film d'esordio con il suo co-regista americano Daniel Schmidt (anche lui un habitué nei racconti di fantascienza), con cui ha precedentemente collaborato in due cortometraggi e nel film di media lunghezza Palácios de Pena.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il fatto che Diamantino sia abbastanza aggraziato da non prendersi troppo sul serio nella sua sfrenata commistione di generi è evidente fin dall'inizio del film, quando la voce dell'eroe - Diamantino (Carloto Cotta), una superstar del calcio in stile Cristiano Ronaldo - ci guida (mentre un drone sorvola il Portogallo di notte) sopra una "cattedrale dei nostri giorni", un vasto stadio di calcio illuminato e pieno di luce. Siamo improvvisamente inghiottiti da questo luogo di culto iberico, mentre Diamantino rivela che non aveva nessuna intenzione di diventare un virtuoso del calcio e, invece, era solito giocare con piccoli e teneri cani. Torna su Diamantino in una nuvola rosa scintillante circondata da giganteschi barboncini che rimbalzano, un'immagine che evoca le figure pastello super kitsch che si trovano sui copricuscino della nonna.

Notiamo immediatamente lo sguardo di due ispettori delle tasse lesbiche, che guardano Diamantino giorno e notte dalla loro base ipermoderna. Infatti, la gestione fraudolenta della sua immensa fortuna è il fare delle sue due identiche e volgari sorelle, ispirate dalle sorellastre di Cenerentola, e che sfruttano spietatamente il loro fratello con la speranza di venderlo a un laboratorio per la sperimentazione (a rischio di fargli crescere il seno e, alla fine, di causarne la morte) e di firmare contratti pubblicitari con partiti politici xenofobi che vogliono usare la foto di Diamantino per fare presa sugli uomini portoghesi. Allo stesso tempo, Diamantino - che è diventato uno zimbello per aver singhiozzato dopo un rigore fallito - scopre alcuni "profughi" che navigano anche loro nel Mediterraneo mentre è sul suo yacht e decide di adottare un piccolo ragazzo africano con cui condividere i suoi grandi giochi da bambini ricchi. L'auditor fiscale capoverdiano coglie l'occasione per infiltrarsi nella sua lussuosa villa (molto malamente) travestita da ragazzino e Diamantino, che è assolutamente innocente e non può immaginare che qualcuno vorrebbe ferirlo, non si accorge di nulla quindi, non riesce a vedere oltre il travestimento sottilissimo. 

Questa trama inverosimile sarebbe una satira spensierata se non fosse per la meravigliosa innocenza del suo eroe. A causa del suo amore spontaneo per il mondo che lo circonda, Diamantino emana un tale senso di purezza (di anima e corpo: è vergine) che questo mondo, ahimè terribilmente simile al nostro (con tutto il suo sfruttamento, i media, la manipolazione l'avidità, i dogmi, la sorveglianza, i rifugiati, l'assegnazione rigida di identità, sessuali e altro...) improvvisamente sembra completamente in disaccordo, come se la nostra frenetica civiltà avesse raggiunto uno stadio assurdo di auto-annientamento. E così, nascosto dietro la sua finzione comica, il film è in realtà un invito molto serio a tornare a tempi più semplici, non intaccati dai meccanismi che hanno macchiato il nostro umanesimo originale.

Le vendite internazionali di Diamantino, prodotto da Maria & Mayer (Portogallo), Les Films du Bélier (Francia) e Syndrome Films (Brasile), sono gestiti da Charades.

(Tradotto da Alessandra Boni)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.