email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CRACOVIA 2018

Recensione: White Mama

di 

- La regista di My Friend Boris Nemtsov, Zosya Rodkevich, torna con un potente documentario su una donna forte e la sua strana ma armoniosa famiglia in difficoltà

Recensione: White Mama

La filmmaker russa Zosya Rodkevich, nota per My Friend Boris Nemtsov [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, torna con il suo nuovo film, White Mama [+leggi anche:
trailer
intervista: Zosya Rodkevich
scheda film
]
, co-diretto e montato da Evgenia Ostanina. Il film, presentato in prima mondiale al Festival di Cracovia nella competizione documentari, è uno dei doc più difficili visti di recente (il che è tutto dire, considerando la ricca offerta del genere), poiché tratta di una famiglia strana ma insolitamente armoniosa che compie enormi sforzi dopo che un nuovo membro viene ad aggiungersi al suo già sovraffollata nucleo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La signora del titolo è Alina, una donna di Mosca che ha sei bambini dalla pelle scura nati dalla relazione con un uomo etiope, di età variabile dagli 8 ai 23 anni. Ora è sposata con il simpatico, saggio e amorevole Sergei, e dato che non possono avere figli propri, decidono di adottare un ragazzo da un orfanotrofio, con problemi di sviluppo: il novenne Daniil.

Prima di incontrare Daniil dopo circa mezz'ora, assistiamo alla quasi incredibile dedizione di Alina e Sergei alla loro casa piena di bambini. Non solo si prendono cura di loro, ma li iscrivono a pianoforte (riuscendo a inserire un piccolo piano nell'appartamento angusto), a lezioni di sport e di danza. Certo, non tutto è roseo, ma vediamo un gruppo di persone relativamente contente della propria vita, e che sicuramente si amano e si capiscono l'un l'altro, senza alcuna aggressione fisica o verbale né veri e propri conflitti.

L'arrivo di Daniil cambierà tutto. I medici non hanno una diagnosi chiara per il suo disturbo, ma il ragazzo è aggressivo, testardo, impaziente, esigente e dispettoso – tranne nei rari momenti in cui, a seguito di un litigio con tutta la famiglia, il ragazzo, esausto, cade fra le braccia di Alina e piange.

La capacità di pazienza e di amore di Alina e Sergei è quasi incredibile, ma i figli di lei soffrono, e loro lo sanno. Il film pone così tante domande sulla dedizione, l'altruismo e l'egoismo, la comprensione e l'intolleranza, da essere in alcuni momenti emotivamente travolgente per lo spettatore. È anche un’opera robusta esteticamente, con la videocamera portatile che gira per l'appartamento, o viene portata in strada per filmare Alina e i bambini da un angolo basso – di solito sembra essere Sergei a manovrarla, ma i titoli di coda (su uno sfondo blu traballante stile VHS) indicano anche Alina Makarovna e Rodkevich come cineaste.

White Mama è un film potente, e la protagonista è uno dei personaggi di documentario più impressionanti visti sugli schermi nell'ultimo anno. Il film sarebbe più facile da digerire se durasse venti minuti in meno, e forse qualche taglio in fase iniziale avrebbe reso l'estenuante ultima mezz'ora in cui Alina porta Dominik e Daniil a un parco divertimenti ancora più incisiva.

White Mama è una produzione della russa CHBK Film.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.