email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIÁN 2018 Zabaltegi-Tabakalera

Recensione: Teatro de guerra

di 

- SAN SEBASTIÁN 2018: L'opera prima dell'artista argentina Lola Arias è un saggio multidisciplinare che ridicolizza la guerra delle Falkland sotto forma di commedia assurda

Recensione: Teatro de guerra

Dopo il debutto nella sezione Forum della Berlinale, Teatro de guerra [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, il lungometraggio d'esordio della poliedrica artista argentina Lola Arias è stato selezionato nella competizione Zabaltegi-Tabakalera del Festival di San Sebastián. Il primo film dell’attrice, performer, drammaturga, scrittrice e curatrice rivela la dimensione multidisciplinare delle sue doti creative. Arias debutta nel mondo del cinema con un film che stabilisce un dialogo tra la conoscenza e le discipline artistiche che la neoregista conosce meglio: performance, teatro e arti plastiche nella cornice del XXI secolo. Inoltre, Teatro de guerra non solo esplora gli incroci tra queste specialità artistiche. Il film indaga anche i limiti e le confluenze all'interno del cinema; come, ad esempio, quelli che possono verificarsi nel campo del genere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Teatro de guerra è un approccio documentario alla Guerra delle Falkland trentacinque anni dopo, che incorpora elementi appartenenti alla commedia assurda. Il film è interpretato da sei veterani di guerra. Tre sono del fronte argentino, e gli altri tre di quello inglese. All'inizio, lo spettatore può credere di trovarsi di fronte a un documentario accademico, costruito con interviste dirette a ex soldati. Ma, come scoprirà più tardi, Teatro de guerra è lontano dalle convenzioni accademiche.

In questa prima parte del documentario ascoltiamo la voce di Arias che esegue un interrogatorio molto preciso sugli ex combattenti. La regista chiede loro quale professione stiano attualmente praticando e se qualcuno di loro soffre di stress post-traumatico. Chiede loro anche di descrivere alcuni episodi vissuti durante la linea del fuoco. Più tardi, proporrà di reinterpretare teatralmente quei momenti con i soldati della parte opposta, anticipando l'atmosfera assurda e macabra, così vicina a The Act of Killing [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, che finirà per abbracciare il documentario.

Il film non nasconde l'opinione negativa della regista sulla guerra che ha avuto luogo nel 1982, così come il suo disprezzo per ogni altra battaglia storica militarista. Teatro de guerra è una revisione e una reinterpretazione della memoria storica dei due paesi messi a confronto sotto forma di un saggio che ridicolizza la guerra e il patriottismo di entrambe le parti. Da parte sua, Arias utilizza il materiale cinematografico e fotografico dalla Guerra delle Falkland come contrappunto per bilanciare gli episodi più comici con il dramma stesso.

Teatro de guerra è una coproduzione delle argentine Gema Films e Sake Argentina insieme alla spagnola BWP S.L. e la tedesca Sutor Kolonko Filmproduktion. La compagnia francese Luz Verde Films cura le vendite internazionali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.