email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIÁN 2018 Concorso

Recensione: Blind Spot

di 

- SAN SEBASTIÁN 2018: L’ottimo esordio alla regia di Tuva Novotny esplora la salute mentale e rimette in discussione il linguaggio cinematografico

Recensione: Blind Spot

L'esordio alla regia dell'attrice svedese Tuva Novotny, Blind Spot [+leggi anche:
trailer
intervista: Tuva Novotny
scheda film
]
, in concorso al San Sebastián Film Festival, dimostra che il suo talento si estende sia davanti che dietro la macchina da presa. Raccontata in tempo reale, in un unico piano sequenza, la storia comincia a una partita di pallamano, dove la camera è posizionata accanto alla panchina delle riserve mentre le giocatrici entrano ed escono dal campo, e si trovano al centro solo quando sono in difesa. La difesa è una delle chiavi di questa storia avvincente su come noi umani cerchiamo di proteggere noi stessi e su come, a volte, qualsiasi cosa accada, è impossibile che i nostri meccanismi di protezione non vengano violati.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La decisione di girare questa storia di amicizia, salute mentale e trauma in una sola scena permette a Novotny di enfatizzare davvero le prestazioni, piuttosto che il lavoro di macchina. A differenza dell'eccellente Victoria [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sebastian Schipper
scheda film
]
di Sebastian Schipper, dove ci si chiede come siano riusciti a realizzare determinati momenti tecnicamente, e dove la macchina da presa sembra un altro personaggio della storia, qui il direttore della fotografia Jonas Alarik (Ravens [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jens Assur
scheda film
]
) fa un lavoro straordinario per rendere organico il lavoro di camera, anche quando sceglie chiaramente quale punto di vista del personaggio enfatizzare, come in una scena in ospedale.

All’inizio, la camera è così imparziale che non siamo nemmeno sicuri di quale delle due ragazze che tornano a casa dallo sport, Thea (Nora Mathea Øien) o Anna (Ellen Heyerdahl), sarà scelta come nostra protagonista. Ma proprio come la celebre apertura di I protagonisti di Robert Altman, le prospettive cambieranno man mano che la storia si sviluppa; tuttavia, i movimenti da un personaggio a un altro in Blind Spot non sono staccati. Il risultato dello stile di ripresa è che Blind Spot possiede la qualità del teatro; filmare la reazione immediata non è importante quanto testimoniare la risposta completa a un incidente, e lasciando la camera a osservare, il dolore non si attenua semplicemente perché la regista grida "stop". Molto spesso nei film, gran parte del processo di lutto è lasciato per terra in sala di montaggio, ma non qui.

Le scene di apertura sono intriganti perché Novotny accentua la natura quotidiana della vita adolescenziale: le adolescenti che osserviamo discutono dei loro compiti, dei ragazzi e dei genitori, ma evitano accuratamente di parlare del loro tumulto interiore e del loro benessere emotivo. Questo punto cieco dell'interazione umana potrebbe essere ciò a cui si riferisce il titolo, ma potrebbe anche essere un cenno all'evento cruciale del film che sta accadendo fuori dallo schermo, dopodiché la camera salta su Maria (un'eccellente Pia Tjelta) che prepara la cena per i suoi due figli mentre suo marito Anders (Anders Baasmo Christiansen) è al lavoro.

Ci saranno rivelazioni che mostrano come il desiderio umano di normalità e di far sembrare tutto a posto sia un approccio ammirevole ma per lo più controproducente per affrontare i problemi mentali e la vita in generale. Inoltre, la decisione di girare in tempo reale rimette in discussione anche il linguaggio cinematografico stesso: spesso l'editing cinematografico vuole andare dritto all'azione e non affrontare le conseguenze emotive di un evento, e nel corso di un secolo, questo ha creato una coscienza collettiva di ciò che costituisce un buon cinema. Ma si tratta semplicemente di evasione, evitando la verità emotiva e l'intelligenza a favore dell'azione fisica e dell'evento stesso? E se sì, qual è il costo umano? Il bel film di Novotny è molto più complicato della scelta di girare in un unico piano sequenza.

Blind Spot è prodotto dalla norvegese Nordisk Film & TV AS.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.