email print share on facebook share on twitter share on google+

LONDRA 2018

Recensione: The Fight

di 

- L'esordio alla regia dell'attrice britannica Jessica Hynes è un dramma familiare che avanza a colpi di pugni

Recensione: The Fight
Jessica Hynes in The Fight

È meglio meditare o affrontare i problemi della vita combattendo? Questo è il dilemma di tre generazioni di donne della famiglia Bell, al centro del debutto alla regia di Jessica Hynes, The Fight, proiettato nella sezione Journey del London Film Festival.

Hynes è meglio conosciuta nel Regno Unito per le sue performance davanti alla macchina da presa in Spaced (che ha co-scritto e co-creato insieme a Simon Pegg), The Royle Family e la parodia della BBC W1A. Ma è il suo lato più serio che mostra in questo dramma familiare. La stessa Hynes interpreta Tina, una donna che fuma sigarette e pratica boxfit, la cui mamma Gene (Anita Dobson) pensa che suo padre Frank (Christoper Fairbanks) sia malato di mente, e la cui figlia Emma (Siena Nanua) è vittima di bullismo a scuola. C'è un accenno al romanzo The Slap di Christos Tsiolkas nel modo in cui una bagarre scolastica ha ripercussioni che vanno oltre le studentesse coinvolte. Il passato di Tina torna quando una vecchia rivalità riemerge. In mezzo a tutto il caos, l'unica cosa che si salva è il matrimonio di Tina con Mick (Shaun Parkes), che è stabile.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

The Fight si svolge nella città portuale di Folkestone, nel Kent, dove vive la regista-sceneggiatrice. Il Canale della Manica funge da oasi di pace in una città dove il conflitto sembra essere ovunque. Il film racchiude un po' di tutto nella sua trama ed espone le cose in modo molto approssimativo. Tra i lati positivi, c’è un utilizzo interessante di una cassetta di meditazione nel montaggio sonoro, e i toni suadenti del comico Russell Brand mentre offre consigli di benessere diventano occasionalmente una specie di colonna sonora. C'è persino un allenatore di boxe che funge anche da maestro di vita, nella figura cult di Cathy Tyson (Mona Lisa). La raffigurazione del pugilato come esercizio positivo, piuttosto che uno sport brutale e violento, è rinfrescante. Meno sicuro è un cameo di Alice Lowe, con il quale il film sembra prendere una china sbagliata e troppo semlicistica sull'apprendimento a casa e il life coaching.

Hynes farebbe meglio se ogni round (ossia ogni scena) non contenesse sempre un tentativo di knockout. Nessun personaggio è lasciato in pace, e persino il padre e il marito di Tina hanno i loro conflitti da superare. La cosa strana è che, nonostante tutti questi conflitti, la storia sembra piccola come una cabina telefonica. Ma almeno all'interno di essa, è piena di compassione per i personaggi e mostra molto cuore. La prossima volta che la campana della regia suonerà per Hynes, speriamo che cerchi di essere più ambiziosa.

The Fight è prodotto dalle britanniche Unstoppable Entertainment e Hallworthy Films.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.