email print share on facebook share on twitter share on google+

FILM Italia

Recensione: Friedkin Uncut

di 

- Il regista italiano Francesco Zippel ha realizzato una divertente e spensierata introduzione al cinema di William Friedkin

Recensione: Friedkin Uncut

Con Friedkin Uncut [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, attualmente nelle sale italiane, il regista italiano Francesco Zippel ha realizzato un ritratto amichevole e arioso del regista americano William Friedkin. Il film è pieno di interviste a una miriade di luminari, come l’occasionale partner di produzione Francis Ford Coppola, l’abituale direttore della fotografia Caleb Deschanel, e le star del cinema Ellen Burstyn, Matthew McConaughey e Willem Dafoe, così come celebri ammiratori come Quentin Tarantino e Wes Anderson.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Evitando una biografia cronologica, Zippel racconta la storia attraverso l'uso di aneddoti. E le storie raccontate sono progettate per far luce sulla personalità e lo stile di lavoro del regista, piuttosto che offrire una critica o un'analisi produttiva della sua opera. La prima scena dà il tono, con Friedkin che proclama che i due uomini più importanti della storia sono Hitler e Gesù. È un'affermazione straordinaria fatta con il desiderio di evidenziare la battaglia tra il bene e il male. Anche se successivamente dirà che è ateo, aggiunge anche che non ritiene che l'etica possa essere insegnata senza far uso della religione. Friedrich Nietzsche si starà rigirando nella tomba. È questa battaglia interna tra Dio e Satana, che Friedkin ritiene che gli umani combattano ogni giorno nelle loro anime, a definire non solo la sua visione della vita, ma anche i suoi film.

È un'impostazione interessante poiché consente a Zippel di entrare direttamente in L’esorcista del 1973, che rimane il film più famoso del regista nato a Chicago. Non è nemmeno un'iperbole quando il regista di I guerrieri della notte Walter Hill proclama: "Quello che Star Wars era per la fantascienza, L’esorcista era per i film dell'orrore". È la star del cinema Ellen Burstyn a cercare di analizzare perché sia ​​così: "La ragione per cui il film ha così tanto successo è che è incorporato nella realtà. Comincia in modo normale e, passo dopo passo, succede qualcosa che coinvolge il pubblico". Zippel si sofferma anche su aspetti particolari di altri film: Coppola è giustamente sbalordito da come il suo documentario The People vs. Paul Crump abbia portato alla correzione di un'ingiustizia; poi c'è l'inseguimento d’auto in Il braccio violento della legge e le scene sadomaso di Cruising.

Il film offre le sue intuizioni più intriganti quando attori e troupe parlano di come Friedkin era sul set. Gira solo un take. A lui non importa se si vede il riflesso di una cinepresa in una finestra, perché non cerca la perfezione; cerca la spontaneità. C'è un momento in cui Juno Temple racconta di Friedkin che si spoglia sul set per far sentire tutti a proprio agio durante le scene di nudo. È una mossa che è stata fatta da altri registi, e in linea con il cuore gentile del film, il documentario non mette in discussione questo in termini di prassi sul posto di lavoro, ma piuttosto celebra l'azione. Alla luce del movimento #MeToo, si spera che sia una pratica destinata a fermarsi.

Il neo principale del film è che non offre alcuna sfida o critica a Friedkin, e inoltre trascura alcune delle opere minori del regista. In compenso, cerca di riconfigurare Il salario della paura del 1977 come il suo più grande lavoro, il che davvero meriterebbe come risposta la battuta pronunciata dal Steve Burns di Al Pacino in Cruising: "Stai scherzando. Sì, stai scherzando. Lo sapevo. No".

Friedkin Uncut è prodotto dall’italiana Quoiat Films Srl e le vendite mondiali sono curate da Doc & Film International.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.