email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

STOCCOLMA 2018

Recensione: X&Y

di 

- La seconda opera da regista della filmmaker svedese Anna Odell è una corsa stimolante tra il sublime e il ridicolo

Recensione: X&Y

"Voglio indagare sull'identità e su cosa significhi essere umani. Come artista, lo farò, insieme a Mikael Persbrandt, l'attore, dal vivo in uno studio per diversi periodi di tempo. [...] Mikael ed io provineremo attori, alter ego, che ritrarranno diversi lati di noi. [...] Mikael ed io ci incontreremo con uno psicologo per elaborare gli eventi. Il nostro lavoro è destinato a diventare un film. [...] E il bello è che nessuno al di fuori del progetto saprà cosa è reale e cosa è finzione".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Mentre Anna Odell presenta il suo secondo lungometraggio, X&Y [+leggi anche:
trailer
intervista: Anna Odell
scheda film
]
, in anteprima nella competizione dello Stockholm International Film Festival, definisce anche perfettamente la sua categoria di regista: è innanzitutto una diplomata alla scuola d'arte che a volte ama usare il mezzo cinematografico come forma di espressione. Quelli che si aspettano altro – tipo qualcosa che si avvicini al "convenzionale" – dovrebbero pensarci due volte.

Come regista, Odell sembra avere un tocco naturale. Il suo debutto, The Reunion [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, era un intrigante racconto autobiografico dei tormentati giorni di scuola di una ragazzina vittima di bullismo che è cresciuta fino a diventare... un’investigativa diplomata d'arte. Ha avuto successo in patria, anche presso i cinefili "convenzionali", che si sono affidati alle mani dell'artista che guida The Art Project – un'esplorazione delle strutture di potere. Forse era il tema universale affrontato, ma senza dubbio anche la presenza personale di Odell stessa, che è diventata una star a pieno diritto. È una di quelle rare persone dal mondo dell'arte che va oltre. Anche solo per questo, va amata.

Il lato carismatico di Odell è evidente pure in X&Y, anche se si è circondata di un cast nordico stellare. Jens Albinus (The Idiots, Il grande capo [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Trine Dyrholm (La comune [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Thomas Vinterberg
scheda film
]
), Sofie Gråbøl (The Killing), Thure Lindhardt (The Bridge), Shanti Roney (Together [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) e Vera Vitali (Involuntary [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Erik Hemmendorff
intervista: Ruben Östlund
scheda film
]
, Blind [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Eskil Vogt
intervista: Eskil Vogt
scheda film
]
) sono tutti presenti come alter ego, con Per Ragnar (Lasciami entrare [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: John Nordling
intervista: Tomas Alfredson
scheda film
]
) e Ville Virtanen (Beyond [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) nei panni degli psicologi. E, naturalmente, c'è Mikael Persbrandt, l'überhunk del noir nordico, nelle vesti del temerario sparring partner di Odell. Che le danze abbiano inizio.

Giochi sessuali, per cominciare. "Voglio fare una scena in cui mi penetra e una in cui lo penetro" (si parla di un cinturino), Odell dice ai suoi produttori sbalorditi. Quando Persbrandt ammette di identificarsi con un coyote, lei si mette a cucire uno strano body con la pelliccia sul dorso e una testa di lupo come berretto. Indossando questo, intende sedurlo. Il progetto incorpora presto una gravidanza "art baby" programmata, ovvero il concepimento di due personalità artistiche. Il cast e la troupe attendono con impazienza una sceneggiatura. Odell continua a rimandare.

In X&Y, la regista non ci prende per mano; siamo soli, forse tanto frustrati quanto Trine Dyrholm quando la vede abbaiare: "Ci sono adulti in questa produzione?". In alternativa, possiamo goderci una corsa stimolante tra il sublime e il ridicolo. Odell stessa certamente lo fa. "È un vero film d'arte!" confessa, il che fa arrabbiare Dyrholm ancora di più.

X&Y è una produzione svedese-danese guidata da B-Reel Films, Fasad ABFilm i VästSveriges Television AB - SVT e Nimbus Film. Le vendite internazionali sono guidate dalla società polacca New Europe Film Sales.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy