email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SIVIGLIA 2018

Recensione: Jaulas

di 

- La promettente opera prima del sivigliano Nicolás Pacheco coniuga estetica accurata, costumbrismo spagnolo e denuncia contro gli abusi

Recensione: Jaulas

Nella sezione Panorama Andaluso del XV Festival del Cinema Europeo di Siviglia spicca Jaulas [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, primo lungometraggio di Nicolás Pacheco, nato in questa città andalusa nel 1980 e formatosi nel cortometraggio e nel teatro alternativo: quest'opera prima, nonostante le sue piccole imperfezioni, rileva un autore con stile, sguardo e creatività, da tenere in considerazione per i suoi lavori futuri, dal momento che in questo mostra audacia, conoscenza cinematografica e talento.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Jaulas presenta un universo che si muove tra quello che conosciamo dai film del serbo Emir Kusturica e un'estetica dell'inquadratura e della composizione – dominata da colori tenui – che richiama la filmografia del texano Wes Anderson. Anche così, il film è molto riuscito, con sequenze di una bellezza semplice e sofisticata allo stesso tempo, un messaggio necessario e forte, e il desiderio di forgiare un film che esca dalle solite narrative alla ricerca di un ibrido tra la storia, l’onirico e il più crudele dei realismi.

Tutto ciò è utilizzato da Pacheco per mostrare la via crucis esistenziale di due donne, una madre e una figlia, che una notte decidono di lasciarsi alle spalle le loro miserabili vite, in cui subiscono gli abusi fisici e psicologici da parte di un individuo ripugnante. Nella loro fuga incontreranno i personaggi più diversi, da un gangster locale a un ragazzone che canta come un uccello, passando per un giovane smidollato ma innamorato, singolare principe azzurro di un film altrettanto curioso.

Sebbene forse il titolo del film (lett. "gabbie") enfatizzi troppo ciò che vuole condannare, la sua trama (dove non mancano momenti umoristici) viene seguita con interesse, le interpretazioni sono magnifiche e il lavoro del team tecnico e di produzione (stupenda la fotografia di Alejandro Espadero) sostengono armoniosamente la proposta di un cineasta che sarà da tenere d’occhio in futuro.

Jaulas è una produzione di A Contracorriente Films (che lo distribuirà anche in Spagna, nelle sale a partire dal 23 novembre), Suroeste Films e Spal Films, con la collaborazione di Televisión Española, Canal Sur, Junta de Andalucía e ICAA. Delle sue vendite internazionali di occupa l’agenzia di Madrid Latido Films.

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.