email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Svizzera / Paraguay

Arami Ullón sta girando il suo secondo documentario Apenas el sol

di 

- È ancora una volta nel suo Paraguay natale, e più precisamente nella regione del Chaco, che la regista basilese d’adozione ha deciso di girare il suo nuovo film

Arami Ullón sta girando il suo secondo documentario Apenas el sol
La regista Arami Ullón

Quattro anni dopo il suo pluripremiato primo film El tiempo nublado [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Arami Ullón
scheda film
]
(Sesterzio d’argento Regard neuf per il primo lungometraggio a Visions du réel 2014), che racconta il legame profondo e complesso che la unisce a sua mamma malata rimasta in Paraguay, Arami Ullón porge di nuovo il suo sguardo sulle contraddizioni del suo paese natale.

Interessato a scavare in quello che resta di un passato ancestrale e misterioso, Apenas el sol [+leggi anche:
recensione
intervista: Arami Ullón
scheda film
]
, si costruisce intorno alle problematiche che toccano il popolo Ayoreo. Da sempre impiantati in una regione boschiva e fluviale che si estende fra Bolivia e Paraguay, il popolo indigeno degli Ayoreo rivendica la protezione delle sue terre tradizionali martirizzate dal disboscamento effettuato illegalmente dai latifondisti che le vogliono utilizzare per allevare il loro bestiame.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Uno scontro impari in cui gli Ayoreo devono fare i conti con pressioni economiche che prolungano all’infinito la loro agonia. Forzati a lasciare le loro terre ancestrali malgrado le leggi del Paraguay gliele attribuisca di diritto, gli Ayoreo si ritrovano spesso in contesti urbani ostili ai quali non possono adattarsi, che li rigettano e spingono verso la marginalità. Una situazione drammatica che Arami Ullón, con il coraggio che la contraddistingue, ha deciso di rendere pubblica.

Apenas el sol, che sarà finalizzato nel 2020, si presenta come un film-viaggio intrapreso dai suoi protagonisti. Un modo di filmare che richiede una divisione in differenti fasi che si susseguiranno fino al 2019.

La fase di ricerca e scrittura del film ha ricevuto sostegni internazionali quali: la selezione al Mercato di coproduzione di Cinélatino – Rencontres de Toulouse (2015) e al Foro de Coproducción Europa-América Latina del Festival di San Sebastian (2016). Apenas el sol è poi stato selezionato al Pitching du Réel di Visions du réel (2017) e ha avuto l’opportunità di essere sviluppato durante l’IDFA School 2018.

Il nuovo documentario di Arami Ullón può contare su una squadra multiculturale di tecnici svizzeri, paraguaiani e Ayoreos. Fra questi il direttore della fotografia svizzero Gabriel Lobos (Raving Iran [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Pescatori di corpi [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Blue My Mind [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lisa Brühlmann
intervista: Luna Wedler
scheda film
]
), e la direttrice di produzione paraguaiana Karen Fraenkel che lavora da vari anni a stretto contatto con la regista.

Coprodotto fra Svizzera e Paraguay, Apenas el sol è finanziato fra gli altri dallo Zürich Film Stiftung, da MEDIA Swiss Desk e da Fachausschuss Film und Medienkunst (Basilea). La zurighese Cineworx Filmproduktion e la regista stessa si occupano della produzione, mentre le vendite internazionali sono affidate a Film Republic. Per quanto riguarda il Paraguay, il progetto ha ricevuto l’appoggio, nella sua fase di sviluppo, della Secretaría Nacional de Cultura (SNC), e dal FONDEC (che ha contribuito in parte alle riprese). Attualmente la SNC non ha ancora partecipato, come pattuito in quanto produttore, al processo di riprese vero e proprio. Una lacuna che potrebbe essere colmata dalla nuova amministrazione del SNC.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy