email print share on facebook share on twitter share on google+

TRIESTE 2019

Il Trieste Film Festival è pronto per celebrare la sua 30ma edizione

di 

- Il raduno italiano del cinema europeo centro-orientale ha svelato le sue sezioni competitive e celebrerà i 30 anni dalla caduta del muro di Berlino

Il Trieste Film Festival è pronto per celebrare la sua 30ma edizione
Meeting Gorbachev di Werner Herzog e André Singer

Quest’anno, il Trieste Film Festival si prepara a celebrare un duplice anniversario: la sua edizione numero 30 e gli eventi che hanno seguito la caduta del muro di Berlino, avvenuta anch’essa trent’anni fa. Dal 18 al 25 gennaio, il principale festival italiano del cinema dell'Europa centro-orientale tornerà ad essere un punto di incontro per le diverse "longitudini" del cinema europeo.

Il 30° Trieste Film Festival si aprirà con il nuovo film di Werner Herzog e André SingerMeeting Gorbachev [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
, un documentario che segue le discussioni tra l'acclamato regista tedesco e l'ex leader sovietico sugli eventi storici che hanno segnato il XX secolo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nella Competizione Lungometraggi, nove titoli dall’Europa centrale e orientale avranno la loro prima italiana a Trieste. La selezione comprende Alice T. [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Radu Muntean
scheda film
]
 di Radu Muntean (Romania/Svezia/Francia), The Delegation [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Bujar Alimani (Albania/Francia/Grecia/Kosovo), Donbass [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sergei Loznitsa
scheda film
]
 di Sergei Loznitsa (Ucraina/Germania/Francia/Paesi Bassi/Romania), Erased [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Miha Mazzini (Slovenia/Croazia/Serbia), Fugue [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Agnieszka Smoczyńska
scheda film
]
 di Agnieszka Smoczyńska (Polonia/Repubblica Ceca/Svezia), The Gentle Indifference of the World [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Adilkhan Yerzhanov
scheda film
]
 di Adilkhan Yerzhanov (Kazakistan/Francia), The Interpreter [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Martin Šulík
scheda film
]
 di Martin Šulík (Slovacchia/Repubblica Ceca/Austria), The Load [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ognjen Glavonić
scheda film
]
 di Ognjen Glanović (Serbia/Francia/Croazia/Iran/Qatar) e One Day [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Zsófia Szilágyi
scheda film
]
 di Zsófia Szilágyi (Ungheria). Inoltre, Ága [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Milko Lazarov
scheda film
]
 di Milko Lazarov (Bulgaria/Germania/Francia) sarà proiettato fuori concorso.

La Competizione Documentari mostrerà 11 film, tra cui uno in prima mondiale e due première internazionali. La selezione include Before Father Gets Back [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 di Mari Gulbiani (Georgia/Francia/Germania), The Border Fence [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Nikolaus Geyrhalter (Austria), Chris the Swiss [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Anja Kofmel
scheda film
]
 di Anja Kofmel (Svizzera/Germania/Croazia/Finlandia), The Distance Between Me and Me [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Mona Nicoară e Dana Bunescu (Romania/Stati Uniti, prima internazionale), Hungary 2018 Behind the Scenes of Democracy [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Eszter Hajdú (Ungheria/Portogallo), Kobarid [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Christian Carmosino Mereu (Italia, prima mondiale), A Minor Genocide [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 di Natalia Koryncka-Gruz (Polonia, prima internazionale), The Most Beautiful Country in the World [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Želimir Žilnik (Austria/Croazia/Serbia/Slovenia), Occupazione 1968 di Evdokia MoskvinaLinda DombrovszkyMagdalena SzymkowMarie Elisa Scheidt e Stephan Komandarev (Slovacchia/Repubblica Ceca/Polonia/Bulgaria/Ungheria), Putin’s Witnesses [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Vitaly Mansky
scheda film
]
 di Vitaly Mansky (Lettonia/Svizzera/Repubblica Ceca) e Victory Day [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Sergei Loznitsa (Germania). Quattro documentari saranno proiettati fuori concorso: La città che Cura [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Erika Rossi (Italia) e The Lions of Lissa di Nicolò Bongiorno (Italia/Croazia), entrambi in prima mondiale, oltre a Greetings From Free Forests di Ian Soroka (Stati Uniti/Slovenia/Croazia) e Srbenka [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nebojša Slijepčević
scheda film
]
 di Nebojša Slijepčević (Croazia).

Nei programmi collaterali, il Trieste Film Festival si concentrerà su entrambi i summenzionati anniversari trentennali, con una serie di proiezioni retrospettive per la caduta del muro di Berlino ("Racconti dal muro di Berlino") e la sua 30ma edizione ("1989-2019 Wind of Change"). Infine, tra gli altri eventi paralleli, che includono masterclass con Jacopo Quadri, Sergei Loznitsa e Ildikó Enyedi, così come altri incontri e Q&A, un'intera giornata sarà dedicata alla realtà virtuale, e saranno disponibili anche due esperienze: In the Cave di Ivan Gergolet (Italia) e Kobold di Max Sacker e Ioulia Isserlis (Germania).

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.