email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINO 2019 Panorama

Recensione: Beauty and Decay

di 

- BERLINO 2019: Il ritratto di Annekatrin Hendel di tre adorabili ribelli della DDR ci lascia con il desiderio di saperne un po' di più

Recensione: Beauty and Decay

Nel 1983, Madonna prese Manhattan, Grandmaster Flash travolse il Bronx, Frankie Goes to Hollywood conquistarono Londra e Les Rita Mitsouko scossero Parigi. Nel frattempo, a Berlino Est... Diciamo che le cose erano diverse. "Ovviamente, non potevamo viaggiare", osserva Sven, uno dei tre personaggi principali di Beauty and Decay [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Annekatrin Hendel, selezionato quest’anno in Panorama Dokumente alla Berlinale. "Ma guardavamo intensamente a cosa c'era là fuori. E abbiamo fatto del nostro meglio con quello che avevamo. Entrare in possesso di una copia di Vogue... Era una cosa enorme".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sven è Sven Marquardt, leggendario buttafuori al Berghain, la centrale elettrica della Germania dell'Est trasformata in un club techno roboante e "la porta più dura d'Europa". Marquardt è stato anche un fotografo di moda per decenni, con diversi libri d'arte al suo attivo. Sembra quasi un'opera d'arte lui stesso, decorato con tatuaggi e piercing dalla testa ai piedi. Gli amici di Sven della scena underground della DDR degli anni '80 sono "Dome", Dominique Hollenstein, che era la modella e musa preferita di Sven, e Robert Paris, che a volte si ispirava a Sven e scattava anche lui fotografie. Poiché la pellicola a colori era scarsa e al di sotto degli standard, quella preferita era in bianco e nero, come si vede con grande efficacia nel documentario di Hendel su questi ribelli bohémien dell'area di Prenzlauer Berg, dove molti intellettuali di Berlino Est si riunivano nel corso della giornata, creando una "bolla" tutta loro.

Hendel, un acclamato documentarista (Vaterlandsverräter, Fassbinder [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Annekatrin Hendel
scheda film
]
) che è emerso nella scena culturale della DDR negli anni '80 (e molto probabilmente conosceva, o era a conoscenza dei suoi soggetti già allora), filma e chiacchiera sui vecchi tempi – che succede, cosa è cambiato. Sven e Dome fanno un servizio fotografico, Robert guarda le foto che ha scattato in passato di aree che sono cambiate molto nel corso degli anni. Sono tutti ancora "uccelli liberi", Sven con la sua macchina fotografica e il suo concerto da club, Dome nella sua bella casa di famiglia, creando fiori in pelle ("la mia unica risorsa"), e Robert, che divide il suo tempo tra Berlino e l'India dove ha una compagna e una figlia. Sono persone adorabili e probabilmente erano esattamente ciò di cui aveva bisogno Berlino Est.

Tuttavia, non arriviamo a conoscere il trio, o almeno non abbastanza bene. Come sono cresciuti? Chi erano i loro genitori? Loro o qualcuno dei loro amici si è messo nei guai per le loro opinioni "sovversive" (o, nel caso, per le loro preferenze sessuali)? Cosa stavano facendo quando il muro è crollato? Dome parla di "stupidi agenti della Stasi" e Robert menziona "famiglie disfunzionali", ma otteniamo pochissime informazioni su queste cose. Quando i 79 minuti di Beauty and Decay giungono al termine, non possiamo fare a meno di pensare che ci aspettavamo di più. O forse questa è solo la prima parte?

Il film è prodotto dalla società tedesca It Works! Medien e coprodotto da Der Rundfunk Berlin-Brandenburg (RBB).

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.