email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Italia

Bolzano FF Bozen, territorio di confine tra italiano e tedesco

di 

- Dal 9 al 14 aprile la 33esima edizione della rassegna che offre lungometraggi di fiction e documentari provenienti da Italia, Germania, Svizzera e Austria

Bolzano FF Bozen, territorio di confine tra italiano e tedesco
The Most Beautiful Couple di Sven Taddicken

Torna dal 9 al 14 aprile il Bolzano Film Festival Bozen, alla sua 33esima edizione, per offrire una rassegna di titoli provenienti daItalia, Germania, Svizzera e Austria. Quattro i concorsi di BFFB: premio al miglior lungometraggio, al miglior documentario, premio del pubblico in sala e premio giuria studenti Euregio. Il festival offrirà inoltre uno sguardo sul mondo di Wolfgang Penn, uno dei pionieri del cinema sudtirolese.

Veniamo ai titoli del concorso lungometraggi. The Most Beautiful Couple [+leggi anche:
trailer
intervista: Sven Taddicken
scheda film
]
è
un thriller drammatico firmato dal regista tedesco Sven Taddicken (la prima mondiale è stata nella sezione Contemporary World Cinema del 43° Festival di Toronto). Ambientato nell’estate del1989, in Germania dell'Est è il secondo film in concorso, Adam & Evelyn [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andreas Goldstein
scheda film
]
, di Andreas Goldstein, tratto dall'omonimo romanzo di Ingo Schulze. Dall’Italia, in coproduzione con la Svizzera, arriva Il Mangiatore di pietre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, di Nicola Bellucci, noir ambientato sulle creste innevate di una valle, protagonista un ex contrabbandiere e passeur di clandestini.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Presentato in anteprima all’ultima Mostra del cinema di Venezia, Joy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sudabeh Mortezai
scheda film
]
, della regista Sudabeh Mortezai, è un film austriaco che racconta di una giovane donna nigeriana caduta nella rete della tratta sessuale a Vienna. Lysis, di Rick Ostermann, è l’intensa storia del rapporto di un padre e di un figlio e di un’avventura di rafting in un luogo selvaggio. Tratta invece del rapporto tra una madre ed un figlio, Un giorno all’improvviso [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, dell’italiano Ciro D'Emilio, che racconta la storia di Antonio, un diciassettenne che sogna di diventare un calciatore. Crush My Heart [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Alexandra Makarová è una produzione austriaca, in cui la regista racconta dello sfruttamento dei giovani "importati" dalla Slovacchia orientale per lavorare come sex worker o mendicanti in Austria.

Sono otto i documentari che si contendono il premio Fondazione Cassa di risparmio di Bolzano. Tra essi, anche un lavoro proveniente dall’Alto Adige, Becoming Me della regista Martine de Biasi, prodotto da Helios Sustainable Film,storia di Marion, che viene accompagnata dalla telecamera nella sua trasformazione in Marian, un uomo. In Exit invece, la regista norvegese Karen Winther racconta il suo viaggio di ricerca sulle motivazioni che l’hanno indotta ad abbandonare la militanza estremista. The Cleaners [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Hans Block e Moritz Riesewieck è una coproduzione Germania, Brasile, Italia, che getta uno sguardo sull’oscuro e sotterraneo mondo di Internet. Dall’Italia arrivaArrivederci Saigon [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Wilma Labate, storia di cinque ragazze che nel 1968 partono per una tournée in Estremo Oriente. InThe Waldheim Waltz [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruth Beckermann
scheda film
]
, la regista austriaca Ruth Beckermann fa una riflessione sul “caso Waldheim”, mentre Mother Fortress di Maria Luisa Forenza racconta della Madre Badessa Agnes che affronta gli effetti della guerra in Siria sul suo monastero, al confine con il Libano dove si nascondono Al-Qaeda e ISIS. Lo svizzero Eisenberger – Art Must Be Beautiful, as the Frog Says to the Fly [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, per la regia di Hercli Bundi, racconta dell’artista austriaco Christian Eisenberg. Der Bauer zu Nathal, dei registi austriaci Matthias Greuling e David Baldinger ciporta a scoprire lo scrittore Thomas Bernhard.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.