email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ONE WORLD PRAGUE 2019

Recensione: Reconstructing Utøya

di 

- Nella sua sessione di terapia di gruppo cinematografica, Carl Javér fa parlare i sopravvissuti della furia di Utøya

Recensione: Reconstructing Utøya

Si può pensare che i tempi non siano i migliori per l'uscita del documentario di Carl Javér Reconstructing Utøya [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, recentemente vincitore del Premio speciale della giuria e del Premio della giuria regionale al One World Prague. I tragici eventi del 22 luglio 2011, quando una bomba esplose fuori dagli uffici governativi di Oslo prima che il massacro continuasse sull'isola di Utøya, sono stati coperti non in uno, ma in due film nel giro di un solo anno: quello girato in piano sequenza di Erik Poppe, U – July 22 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Erik Poppe
scheda film
]
, e quello in lingua inglese di Paul Greengrass, 22 July [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, targato Netflix. Ma anche se non è paragonabile per ampiezza con i due precedenti, quest’ultimo trova un modo diverso per ripercorrere quella tragedia difficile da dimenticare.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

È interessante guardarlo ora, dopo i recenti avvenimenti in Nuova Zelanda – soprattutto considerando la ferma decisione del primo ministro Jacinda Ardern di concentrarsi sulle vittime, piuttosto che sull'autore del reato. Questo approccio di "non notorietà" è anche al centro di Reconstructing Utøya, poiché ad eccezione di una menzione fugace, l'uomo responsabile dei fatti non è nemmeno nominato nei titoli di testa: gli autori lo chiamano il "terrorista norvegese di estrema destra" e si concentrano invece su coloro che sono sopravvissuti. Su quattro di loro, per la precisione, che sei anni dopo l'attacco si incontrano con altri giovani disposti ad aiutarli a ricostruire i loro ricordi.

Confinati in un grande spazio vuoto con nient'altro che linee sul pavimento, che riecheggiano Dogville [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, i sopravvissuti e i loro aiutanti mettono in scena gli eventi, perdendosi lentamente nel tentativo di rispecchiare l'esperienza nel modo migliore possibile, trasformandola in uno strano laboratorio di recitazione o, come dice uno di loro, un "allenamento psicologico". È un concetto che funziona meglio sulla carta (o all'interno di quello spazio) che non sullo schermo, perché dopo un po' diventa noioso essere semplici testimoni di questo processo – è un po' come guardare la sessione di terapia di qualcuno, dove le parole sono rimpiazzate da fantocci di adolescenti. Ma è anche un lavoro che pone una serie di domande e, infine, rispetta le vittime abbastanza da affidar loro il pieno controllo della narrazione. Non è un caso che chi rimane completamente indifferente all’ennesimo racconto di guerra di suo nonno, abbia gli occhi lucidi a guardare il film di Peter Jackson They Shall Not Grow Old [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
.

Inoltre, che cosa traggono da questa esperienza le persone coinvolte, che arrivano addirittura a chiedere a un completo estraneo: "Vuoi essere me?". C'è qualcosa di quasi perverso nella loro attenzione ad ogni piccolo dettaglio, mentre ricreano scene elaborate e chiedono di vederle ancora e ancora. Certo, l'idea di rivivere i propri traumi per poterli finalmente superare non è una novità, ma che dire invece degli assistenti, che rimangono sempre più colpiti dalle loro storie e dal suono snervante dei colpi sparati? Questa interessante discussione è sciupata da un finale sentimentalmente straziante. Ciò che rimane è la compassione: resta da capire se la si potrebbe provare anche solo ascoltando le persone, piuttosto che assistere a tutta questa messinscena per "cercare di capire" . Principalmente perché non c'è nulla da capire – bisogna solo lasciar andare.

Reconstructing Utøya è prodotto da Fredrik Lange, di Vilda Bomben Films, e coprodotto da Polarfox, FilmCamp, Made in Copenhagen e Film i Väst. È distribuito in Norvegia da Tour de Force, e le sue vendite internazionali sono gestite da Cinephil.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.