email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM / RECENSIONI

Recensione: Una classe per i ribelli

di 

- Michel Leclerc firma una commedia intelligente sulla diversità sociale in ambito scolastico e sul dilemma tra valori morali collettivi e ripiego individualistico

Recensione: Una classe per i ribelli
Edouard Baer e Leïla Bekhti in Una classe per i ribelli

"Il privato è la rottura del patto repubblicano, dell'uguaglianza delle possibilità". Questa è la prima reazione della coppia protagonista di Una classe per i ribelli [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, il nuovo film di Michel Leclerc (lanciato nelle sale francesi da UGC Distribution), quando il migliore amico di loro figlio lascia la scuola elementare pubblica del quartiere. Combinando come al suo solito commedia disinibita, analisi sociale e messaggio politico, il regista di Nom des gens [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
tratta questa volta un argomento che mette in imbarazzo un buon numero di "bobos" (borghesi bohémien) delle grandi città, sostenitori della diversità e della mescolanza e che non esitano a stabilirsi nei quartieri popolari, ma che spesso finiscono per negare questi valori quando la questione del futuro scolastico dei loro figli arriva sul tavolo. Analizzando questa situazione, dietro un umorismo che permette di allontanarsi dalla gravità del realismo e non arretra davanti all’autoderisione, La Lutte des classes mette in luce molte contraddizioni e rivela un quadro della periferia parigina molto più complesso di quanto si possa immaginare.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sofia (Leïla Bekhti) e Paul (Edouard Baer) hanno deciso di vendere il loro piccolo appartamento parigino per comprare un padiglione sull'altro lato della tangenziale, a Bagnolet. Cinque anni dopo, la coppia vive una vita di quartiere sana con due bambini, punteggiata da aperitivi con i vicini, il giardino comune, il Conservatorio, gite scolastiche, ecc. Paul è un musicista professionista un po’ squattrinato, proveniente dal punk rock e che mantiene una nota ribelle anarchica. Sofia, dal canto suo, è cresciuta a Bagnolet e ha approfittato dell'ascensore sociale, diventando avvocato in un'azienda parigina dove scala la gerarchia (dedica la sua promozione a un’insegnante del terzo che voleva mandarla a fare la sarta). Ma questo cielo senza nuvole sarà presto offuscato quando i loro amici locali cominceranno a ritirare i loro bambini dalla scuola elementare Jean Jaurès per iscriverli nella scuola privata cattolica Saint-Benoît. Le loro motivazioni: il basso livello scolastico e il futuro della loro prole. Ma ci sono giustificazioni meno convincenti ("troppi neri e arabi", "i tempi sono cambiati"). Paolo e Sofia riaffermano i loro valori repubblicani, ma il dubbio sorge e presto scoprono che il loro figlio Corentin è l'unico bianco della sua classe, e che è anche ostracizzato perché è l'unico a non avere credenze religiose e perché è considerato ricco. Tra i due genitori emergono disaccordi sulla condotta da far seguire al figlio ("non devi dimenticare che sei un po' isolato, devi adattarti agli altri", dice l’una, "non bisogna rinnegare le proprie convinzioni" replica l'altro) in una scuola decadente dove le classi sono in agitazione, dove la maggior parte delle risorse finanziarie sono dedicate alla messa in sicurezza dei locali, e dove Corentin è ora infelice. Cosa sceglieranno Sofia e Paul, di fronte a un dilemma tra i loro valori e la protezione del loro bambino?

Affrontando diversi sottotemi, La Lutte des classes traccia un quadro allarmante di una crescente tendenza verso una scuola a due livelli, quella dei ricchi e quella dei poveri. Ma il film affronta anche il tema delle tentazioni comunitarie, delle lacune culturali difficili da colmare, dei discorsi idealistici completamente tagliati fuori dalla realtà, delle ansie assurde sulla sicurezza, del laicismo, del bullismo scolastico, e così via. Spesso divertente, questa immersione nella banlieue sulla scia dello spirito di sinistra che vacilla nelle sue contraddizioni, rimane tollerante e ottimista anche se questa esplorazione si rivela uno spaccato sociale piuttosto implacabile.

Una classe per i ribelli è prodotto da Karé Productions e coprodotto da UGC Images, Orange Studio (che guida le vendite internazionali), France 2 Cinéma, Chaocorp Productions e i belgi di Scope Pictures.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy