email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2019 Semaine de la Critique

Cinque cineasti europei per la Semaine de la Critique di Cannes

di 

- Jérémy Clapin, Hlynur Pálmason e Lorcan Finnegan in concorso, Aude Léa Rapin e Hafsia Herzi in proiezione speciale. Spiccano anche l'America Latina e il Nord Africa

Cinque cineasti europei per la Semaine de la Critique di Cannes
A White, White Day di Hlynur Pálmason

Tre cineasti europei parteciperanno al concorso della 58ma Semaine de la Critique che si svolgerà dal 15 al 23 maggio nell'ambito del 72° Festival di Cannes. Svelato oggi tramite una conferenza stampa online del delegato generale Charles Tesson (visionabile sul sito web della Semaine), il programma dell'edizione 2019 include sette titoli in concorso (di cui cinque opere prime) che verranno valutate da una giuria presieduta da Ciro Guerra (leggi la news).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sarà in lizza per il Grand Prix della Semaine il francese Jérémy Clapin con il film d'animazione J’ai perdu mon corps [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jérémy Clapin
scheda film
]
, l'islandese Hlynur Pálmason con A White, White Day [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hlynur Pálmason
scheda film
]
(suo secondo lungo dopo il tanto acclamato Winter Brothers [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Elliott Crosset Hove
intervista: Hlynur Pálmason
scheda film
]
) e l'irlandese Lorcan Finnegan con Vivarium [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lorcan Finnegan
scheda film
]
(suo secondo lungometraggio dopo Without Name [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, presentato a Toronto nel 2016).

Il concorso proporrà anche due opere prime di registi del Nord Africa (l'algerino Amin Sidi-Boumédiène con Abu Leila [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e il marocchino Alaa Eddine Aljem con Le Miracle du Saint Inconnu [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) e altri due diretti da registi dell’America Latina (l’argentino-costaricana Sofia Quiros Ubeda con Ceniza negra [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) e il guatemalteca Cesar Diaz con la produzione franco-belga Nuestras madres).

La selezione 2019 include anche quattro film fuori concorso: Litigante [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del colombiano Franco Lolli (rivelatosi alla Semaine del 2014 con Gente de bien [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) che farà l’apertura, i primi lungometraggi Les héros ne meurent jamais [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Aude Léa Rapin
scheda film
]
della francese Aude Léa RapinTu mérites un amour [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hafsia Herzi
scheda film
]
della sua connazionale Hafsia HerziDwelling in the Fushun Mountains del cinese Gu Xiaogang che farà la chiusura e che sarà l'unico rappresentante asiatico dell'edizione di questa Semaine segnata anche dalla totale assenza di produzioni nordamericane.

I film selezionati:

Concorso lungometraggi

Abou Leila [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
Amin Sidi-Boumédiène (Algeria/Francia)
Ceniza negra [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 - Sofia Quiros Ubeda (Costa Rica/Argentina/Francia)
A White, White Day [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hlynur Pálmason
scheda film
]
- Hlynur Pálmason (Islanda/Danimarca/Svezia)
J’ai perdu mon corps [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jérémy Clapin
scheda film
]
 - Jérémy Clapin (Francia)
Nuestras madres [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cesar Diaz
scheda film
]
 - Cesar Diaz (Belgio/Francia)
Le Miracle du Saint Inconnu [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 - Alaa Eddine Aljem (Marocco/Francia/Qatar/Germania/Libano)
Vivarium [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lorcan Finnegan
scheda film
]
Lorcan Finnegan (Irlanda/Belgio)

Proiezioni speciali lungometraggi

Litigante [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
Franco Lolli (Colombia/Francia) (film d’apertura)
Tu mérites un amour [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hafsia Herzi
scheda film
]
Hafsia Herzi (Francia)
Les héros ne meurent jamais [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Aude Léa Rapin
scheda film
]
Aude Léa Rapin (Francia/Belgio/Bosnia-Erzegovina)
Dwelling in the Fushun MountainsGu Xiaogang (Cina) (film di chiusura)

Concorso cortometraggi

Party Day - Sofia Bost (Portogallo)
The Trap (Fakh) - Nada Riyadh (Germania)
Ikki illa meint - Andrias Høgenni (Danimarca/Isole Faroe)
Journey Through a Body - Camille Degeye (Francia)
Community Gardens (Kolektyvinai sodai) - Vytautas Katkus (Lituania)
Lucía en el limbo - Valentina Maurel (Belgio/Francia/Costa Rica)
The Manila Lover - Johanna Pyykkö (Norvegia/Filippine)
Mardi de 8 à 18 - Cecilia de Arce (Francia)
She Runs - Qiu Yang (Cina/Francia)
The Last Trip to the Seaside (Ultimul Drum Spre Mare) - Adi Voicu (Romania)

Proiezioni speciali cortometraggi

Demonic -
 Pia Borg (Australia)
Naptha - Moin Hussain (Regno Unito)
Please Speak Continuously and Describe Your Experiences as They Come to You - Brandon Cronenberg (Canada)
Invisible Hero - Cristèle Alves Meira (Portogallo/Francia)
Tenzo - Katsuya Tomita (Giappone)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.