email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2019 Fuori concorso

Recensione: Les Plus belles années d'une vie

di 

- CANNES 2019: Il nuovo film di Claude Lelouch è una cartolina autunnale che dispensa alcune dolci note sull'invecchiamento, il ricordo e l'amore

Recensione: Les Plus belles années d'une vie
Anouk Aimée e Jean-Louis Trintignant in Les Plus belles années d'une vie

Nel 1966, Un uomo, una donna di Claude Lelouch conquistò gli schermi di tutto il mondo con i suoi due affascinanti amanti, interpretati da Anouk Aimée e Jean-Louis Trintignant, la sua contagiosa colonna sonora di Francis Lai e la giusta quantità di ingredienti "artistici" da non spaventare il pubblico di medio livello. Ogni volta che qualcuno dice "Adoro i film francesi", è questo – non Godard o Bresson – che amano. E a ragione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Poco più di mezzo secolo dopo, il buon vecchio Lelouch è di nuovo a Cannes, questa volta fuori concorso, con Les Plus belles années d'une vie [+leggi anche:
trailer
intervista: Claude Lelouch
scheda film
]
. Per il suo "film nr. 49", come ci informano i crediti, ha invitato alcuni amici del passato, tra cui Aimée, Trintignant e Lai (il cui ultimo contributo è stato questo), nello stesso resort di Un uomo, una donna per dispensare alcune note sull'invecchiamento, il ricordo e l’amore.

Come in Un uomo, una donna (che è ampiamente citato qui) e il suo sequel Un uomo, una donna oggi (che, al contrario, non è citato per niente), Trintignant interpreta Jean-Louis Duroc e Aimée è nuovamente Anne Gauthier. Appaiono anche Souad Amidou e Antoine Sire nei panni di Françoise, la figlia di Anne, e Antoine, il figlio di Jean-Louis – proprio come nel film del 1966. Monica Bellucci ha un dolce cameo.

Jean-Louis ora vive in una casa di riposo, dove preferisce sedersi da solo sul prato mentre i compagni di geriatria si divertono con vari passatempi terapeutici. La senilità ha iniziato a prendere il sopravvento su Jean-Louis, e Antoine si mette in contatto con Anne per conto di suo padre. "Sei il suo miglior ricordo" confida. Andrà a visitarlo? Potrebbe fare bene sia a lui che alla sua salute. Anne, dal canto suo in ottima forma mentale e generale (l'attraente attrice che la interpreta è invecchiata bene), ci sta.

E così si incontrano di nuovo. "Posso sedermi qui?" chiede lei. Lui annuisce e inizia a parlarle di colei che si è fatto scappare, la donna di cui non era "all'altezza" – doveva giusto correre dietro qualche nuova sottana di tanto in tanto. Le chiede anche di fuggire con lui a bordo della sua auto. Ancora una volta, Anne ci sta. Insieme rivisitano il passato, a volte in sequenze ambientate ai giorni nostri (una divertente corsa con relativo intervento della polizia; una visita a un hotel di Deauville "dove tutto è iniziato"), spesso in flashback – almeno un terzo del film è costituito dalle riprese del 1966, fornendo a coloro che non l'hanno visto un sommario utile e, ugualmente importante, accentuando il viaggio nostalgico in cui siamo imbarcati, in toto.

Girato in soli 13 giorni, Les Plus belles années d'une vie è quasi una featurette, una nostalgica novella, una dolce cartolina da una vacanza autunnale. Per quanto esile possa indubbiamente sembrare, è allo stesso tempo esattamente il film che Lelouch voleva fare, onestamente e spudoratamente. Quanto a Jean-Louis, fa bene sia a lui che alla sua salute, e lo stesso vale per Anne. Anche Antoine e Françoise sembrano entrare in qualcosa di romantico. E su tutto, il più dolce inno degli anni '60 di Francis Lai risuona per chi ama i film francesi. "Chabadabada chabadabada" – ci sono mai state parole migliori per una canzone?

Les Plus belles années d'une vie è prodotto dalle società francesi Les Films 13, Davis Films e France 2 Cinéma. Le vendite internazionali sono affidate alla parigina Other Angle Pictures.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.