email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM / REVIEWS

Recensione: Another Reality

di 

- Il potente documentario di Noël Dernesch e Olli Waldhauer mette in scena una società parallela dove domina la legge del più forte

Recensione: Another Reality

Premio del pubblico all’ultima edizione del DOK.fest München, Another Reality [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
è il primo documentario del duo di registi Noël Dernesch e Olli Waldhauer. Entrambi focalizzano la loro ricerca artistica sull’analisi di gruppi sociali marginali che riescono ad emergere grazie alla forza delle loro idee. Lo svizzero Noël Dernesch ha fatto parlare di sé grazie al documentario Journey To Jah (2013), presentato in numerosi festival tra i quali il Doclisboa e il Sarajevo Film Festival e laureato del Förderpreis der DEFA-Stiftung al Filmfestival Max Ophüls Preis e dell’Audience Award allo Zurich Film Festival. Journey To Jah parla di integrazione e “border crossing” attraverso la musica, filo invisibile che unisce le persone oltre le frontiere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Con il documentario Istanbul United (2014) Olli Waldhauer (in binomio con Farid Eslam) ha invece osservato da vicino un altro fenomeno sociale inaspettato: l’unione di tre grandi club di calcio di Istanbul (notoriamente rivali) per sostenere i manifestanti durante le proteste al parco Gezi. Il film è stato presentato tra gli altri al Festival di Istanbul e al Karlovy Vary.

Another Reality è un documentario dominato da personaggi forti, quasi ingombranti che si mettono inaspettatamente a nudo davanti alla cinepresa. Il loro quotidiano è fatto di criminalità, palestre dove il testosterone domina sovrano, macchine sportive e gangsta rap.

I personaggi di Another Reality ci mostrano il loro mondo, un’altra realtà come indicato dal titolo del film, che spesso ci è proscritta. Con incredibile sincerità e profondità ci svelano i loro sogni, il presente di una quotidianità ingombrante e l’insicurezza di un futuro ancora tutto da costruire. 

I boss filmati da Noël Dernesch e Olli Waldhauer ci invitano ad entrare nel loro universo, lontano anni luce dai cliché legati alla Germania. Perché sì, anche loro sono tedeschi, frutto dell’immigrazione e di un multiculturalismo non sempre facile da vivere. La loro identità si sviluppa attorno ai concetti di famiglia e onore, il tutto accompagnato da una virilità caricaturale nella quale solo l’uomo vero, quello coraggioso e fisicamente imponente, riesce ad emergere. 

In questo universo esclusivamente maschile, le donne sono divise in due categorie: le “real ladies”, esseri delicati da difendere con fierezza, o le prostitute. Grazie allo sguardo del nostro duo di registi questa maschera fatta di testosterone e muscoli d’acciaio sembra però cadere. Le immagini sincere e esteticamente poetiche che mostrano i protagonisti del film dal parrucchiere, mentre si fanno lavare i capelli o depilare le sopracciglia, oppure mentre discutono del loro passato in prigione, ci permettono di osservarli oltre le apparenze.

Il rispetto che il duo di registi manifesta nei confronti de personaggi filmati, sta proprio nel mostrarli per quello che sono, con i loro pregi e i loro difetti, imprigionati in un mondo estremamente codificato. Al pubblico la libertà di giudicarli o tentare di capirli.

Forse l’unica “donna” presente nel film (e degna di nota) è la musica (hip hop), musa e ancora di salvataggio che permette ai protagonisti di fare sentire il proprio grido di ribellione.

Il film mette in scena un altro genere di integrazione, attraverso l’hip hop e la solidarietà maschile, alla ricerca di una felicità che sembra a tratti utopica.

Another Reality uscirà molto probabilmente in autunno nelle sale tedesche e svizzere. Il filmè prodotto da Elemag Pictures in coproduzione con CognitoFilms, It’s Us Media, 27 Kilometer e con il sostegno di Rudfunk Berlin Brandenburg-RBB, WDR-Westdeutsche Rundfunk, ARTE e SRF Schweizer Radio und Fernsehen. Le vendite all’internazionale sono affidate a Magnetfilm.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.