email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LA VALLETTA 2019

Recensione: Of Time and the Sea

di 

- L'esordio sperimentale, sicuro e a combustione lenta di Peter Sant, una coproduzione tra Malta e il Regno Unito, è stato proiettato in patria, al Valletta Film Festival

Recensione: Of Time and the Sea
Ruth Borg in Of Time and the Sea

Il regista australiano di origini maltesi Peter Sant ha mostrato di recente il suo film d'esordio, la coproduzione maltese-britannica Of Time and the Sea [+leggi anche:
trailer
intervista: Peter Sant
scheda film
]
, al Valletta Film Festival 2019, dopo la sua prima mondiale al FIDMarseille dello scorso anno. Opera prima sicura e coraggiosa, questo film in lingua maltese ci porta in un mondo oscuro, arido e roccioso, dove l'antico convive con il moderno (nello specifico, i personaggi usano il microonde ma indossano anche armature), e dove regna un'atmosfera di ostilità e paranoia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La storia è ambientata a First, una delle tre isole brulle (le altre due sono logicamente Second e Third), con una popolazione molto piccola. Una malattia non specificata ha devastato la terra, e tutti quelli che ne sono stati afflitti sono ora a Second, mentre Third ospita gli animali da cui la malattia originariamente si è diffusa. La vita su First è lenta, monotona e ripetitiva, e il film si concentra su una manciata di suoi residenti (senza nome): il "re" (Narcy Calamatta), indebolito dalla malattia e dalla pazzia, e le sue due figlie, una delle quali (Mandy Misfud ) svolge le faccende domestiche e sembra anche ricoprire il ruolo della moglie assente del re, mentre l'altra (l'eccellente Ruth Borg) riceve ordini da suo padre per costruire un bastione per proteggere i terreni del suo "palazzo" – in realtà solo un bunker di pietra su una scogliera – dagli intrusi. La paranoia del re sembra essere condivisa dagli altri residenti di First, visto che viene visitato da un cavaliere che gli dice: "Attento ai visitatori" – forse un cenno all’attuale atteggiamento verso l'immigrazione.

Nel corso del film, i personaggi principali interagiscono con una manciata di individui pittoreschi: un cinese che è venuto a First per "imparare a dimenticare", alcuni vicini locali e una banda di ottoni che altera completamente la dinamica e sconvolge l'ordine stabilito di cose.

Con il suo passo lento, la narrativa minimale e i personaggi che sono spesso scontrosi, riluttanti a parlare e inclini all’autocommiserazione, Of Time and the Sea è totalmente aperto all'interpretazione – tanto più a causa dell'anonimato dei personaggi e delle isole. First, Second e Third rappresentano forse le tre isole principali di Malta? Possiamo davvero imparare a dimenticare selettivamente le cose e a liberarci di tutti questi ricordi che "gonfiano le nostre teste"? È possibile "rompere il cerchio eterno" e uscire dalle nostre routine per espandere i nostri orizzonti? Si potrebbe anche leggere in questo film una critica su come i governi stiano trascurando i loro cittadini, poiché il re accumula egoisticamente tutto il cibo sull'isola per se stesso.

A livello tecnico, il film è davvero impressionante, considerando i vincoli di budget e l'equipaggio limitato. Il sound design è incredibilmente importante e contiene strati su strati di dettagli intricati che è impossibile catturare la prima volta. La camera statica del DoP Martin Testar (che rappresenta circa il 90% del film) sottolinea la sensazione di immobilità. Il background di Sant in altre forme d'arte, in particolare le installazioni, è anche evidente qui.

Forse Of Time and the Sea non introdurrà il pubblico mainstream al mistero e alla desolazione del paesaggio rurale maltese, ma conferma Sant come un autore talentuoso e un nome da tenere d'occhio nel circuito del cinema d'essai.

Of Time and the Sea è prodotto dalla compagnia maltese di Sant, Hereonin, mentre la maggior parte della post-produzione si è svolta nel Regno Unito.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.