email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

KARLOVY VARY 2019 Concorso

Recensione: Let There Be Light

di 

- Il rapporto tra padri e figli è al centro del secondo lungometraggio di Marko Škop, che tratta dell'ascesa dell'ala di estrema destra in Slovacchia

Recensione: Let There Be Light
Milan Ondrík in Let There Be Light

Il secondo film del regista slovacco Marko Škop, Let There Be Light [+leggi anche:
trailer
intervista: Marko Škop
scheda film
]
, presentato in prima mondiale in concorso a Karlovy Vary, è la prima grande produzione di fiction in Europa centrale a trattare in modo diretto dell'ascesa dell'ala di estrema destra.

È Natale, e Milan Deniš (l'eccellente Milan Ondrík) torna dalla Germania, dove lavora nel settore edile, alla sua famiglia nel villaggio slovacco di Nowa Huta. Sua moglie Zuzka (Zuzana Konečná) è, naturalmente, felice di vederlo, ma la sua stanchezza e preoccupazione per i tre figli che alleva da sola traspare in modo inconfondibile. Anche se cercano di non pensarci, la famiglia e l'intero villaggio sono scossi dal suicidio di un ragazzo locale, Peter, un amico del figlio adolescente Adam (František Beleš).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Si scopre che entrambi i giovani appartengono all'organizzazione paramilitare La Guardia, nella quale sono addestrati a "proteggere la loro famiglia e la loro patria". E a quanto pare, Peter era gay. Ma Adam nega di sapere qualcosa su ciò che avrebbe potuto spingere il suo amico a togliersi la vita.

Nel frattempo, veniamo a sapere che la famiglia è molto religiosa, e che lo stesso Milan ha una collezione di fucili e mitragliatrici che gli piace pulire, assicurandosi che i bambini non vi si avvicinino mai. Dopo la messa domenicale, i Denišes vanno a visitare il padre duro, zelantemente religioso di Milan (Ľubomír Paulovič), secondo cui la regola dello Stato fantoccio fascista slovacco durante la Seconda guerra mondiale ha rappresentato l'unico momento in cui il paese stava bene, e in più umilia suo figlio per essere troppo morbido.

Ma Milan è un uomo di buon cuore, e forse questo è un problema – il fascismo prende piede non perché troppe persone sono cattive, ma perché troppe brave persone non agiscono. Così va a visitare i genitori di Peter e viene a sapere che il ragazzo ha detto loro di essere stato stuprato il giorno in cui si è suicidato. Mentre inizia a indagare, facendo pressione su suo figlio, la famiglia riceve minacce. Milan si rivolge a un giovane prete (un Daniel Fischer appropriatamente irritante) solo per sapere che la chiesa chiude un occhio sulle azioni della Guardia ancor più della polizia locale.

Chi ha visto When the War Comes [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Jan Gebert, un documentario su una vera organizzazione chiamata Reclute Slovacche, non avrà alcun problema nel riconoscere che la storia ha radici nella realtà. Ma più importante della realtà effettiva del tema è la sceneggiatura semplice ma sfumata di Škop, in cui piccoli dettagli rivelano molto di più sulla società slovacca moderna di quanto non venga esplicitamente mostrato. Al contempo, Let There Be Light è, nel suo cuore, una storia su come i figli perpetuino gli errori dei loro padri copiando i loro modelli nei rapporti con i propri figli e, a loro volta, come questo alla fine crei l'atmosfera incendiaria e odiosa che porta la società sull'orlo dell'implosione.

Let There Be Light è una coproduzione tra le due più grandi società di produzione indipendenti in Slovacchia e Repubblica Ceca, Artileria e Negativ, con la partecipazione delle rispettive emittenti nazionali, Radio and Television Slovakia e Czech Television. Anche se una tale struttura produttiva può aver portato il film a essere un po' meno ambiguo rispetto a ciò che un approccio più autoriale avrebbe consentito, l'argomento che tratta è molto importante, e merita un buon livello di esposizione, sia nelle sale che in televisione. La parigina Loco Films detiene i diritti internazionali.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.