email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2019 Giornate degli Autori

Recensione: Beware of Children

di 

- VENEZIA 2019: Il secondo film di Dag Johan Haugerud potrebbe essere il miglior film umanista norvegese di 157 minuti mai realizzato

Recensione: Beware of Children
Jan Gunnar Røise ed Ella Øverbye in Beware of Children

Il romanziere, sceneggiatore, regista, bibliotecario e umanista norvegese Dag Johan Haugerud ha completato il suo secondo lungometraggio. Dopo una preparazione molto lunga, di durata molto lunga (il film più lungo in Norvegia dal lungometraggio di tre ore Kristin Lavransdatter di Liv Ullmann nel 1995) e trattenuto un po’ più a lungo per un'esposizione ottimale (il suo primo lungometraggio, I Belong, sebbene inondato di premi nazionali, viaggiò poco all'estero), Beware of Children [+leggi anche:
trailer
intervista: Dag Johan Haugerud
scheda film
]
è presentato in anteprima nella sezione Giornate degli Autori della Mostra del cinema di Venezia 2019, invitando il pubblico mondiale più esigente a scoprire un autore europeo in erba di evidente merito.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il titolo ambiguo potrebbe riferirsi all'importanza di prendersi cura della propria prole, ma forse anche di prestare attenzione ai segnali di allarme, poiché le azioni dei bambini possono effettivamente portare a conseguenze inquietanti. Questo accade quando la tredicenne Lykke litiga con il suo compagno di classe Jamie nel cortile della scuola. Gli animi si scaldano, e il ragazzo viene ferito e portato in ospedale, dove muore poco dopo. Genitori, alunni e personale sono sconvolti, vengono condotte indagini e interrogatori. Cosa è successo e perché? E che cosa accadrà dopo?

Svelando meticolosamente, strato dopo strato, i dettagli apparentemente casuali e palesemente cruciali degli eventi, Haugerud introduce un gruppo di individui molto umani in azione. Sia la "carnefice" che la "vittima" sono figli di uomini politici, lei di parte laburista e lui di quella destra libertaria che ha tanti strenui avversari, anche negli ambienti accademici. Il fatto che quest'ultimo abbia una relazione con una delle dirigenti di istituto può sembrare leggermente strano e inappropriato – come talvolta è la vita stessa, come di tanto in tanto ci viene ricordato teneramente. Una delle grandi questioni di cui si dibatte è: il caso legale di Lykke verrà archiviato perché la morte di Jamie sarà considerata un incidente o per via della sua età? E poi, può una pagina commemorativa per Jamie su Facebook andar contro la policy delle scuole statali norvegesi, dal momento che si tratta di un società privata americana? Sembra di sì. "Attenti agli adulti" potrebbe essere un altro accorato invito.

Con circa una dozzina di personaggi chiave, inclusi genitori, personale scolastico e genitori di entrambi i genitori e del personale scolastico, oltre ai partner di alcuni membri del personale scolastico, Beware of Children richiede molta attenzione. I personaggi vengono introdotti in un secondo fuori campo, le loro relazioni con gli altri individuate en passant, e altri personaggi chiave vengono menzionati, ma non si vedono mai. Probabilmente fa tutto parte del realismo empatico di Haugerud, ma in rare occasioni può sembrare un po’ consapevolmente stylish. Che Lykke sia chiamata Natalie a scuola (alcuni insegnanti dicono Natalia), ma sempre Anna da sua nonna, è una stranezza probabilmente non necessaria. Ma per la maggior parte di questi 157 minuti completamente ben spesi, questo lavoro di un importante regista umanista e della sua squadra assolutamente di prim'ordine è pienamente gratificante da vedere. Si consiglia una seconda visione, per una maggiore soddisfazione.

Beware of Children è prodotto dalla norvegese Motlys in coproduzione con la svedese Plattform Produktion e Film i Väst. Le vendite mondiali sono gestite da Picture Tree International.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.