email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LONDRA 2019

Recensione: Fanny Lye Deliver'd

di 

- All'indomani della guerra civile inglese, una devota famiglia puritana offre riparo a una coppia misteriosa, nel terzo film dell'autore britannico Thomas Clay

Recensione: Fanny Lye Deliver'd
Maxine Peake in Fanny Lye Deliver'd

Thomas Clay torna per il suo primo lungometraggio dopo oltre un decennio con l'attesissimo Fanny Lye Deliver’d, un thriller brutale ambientato nell'Inghilterra del XVII secolo post guerra civile. Dopo aver debuttato con i suoi due precedenti film a Cannes, questo è in anteprima mondiale in concorso ufficiale al London Film Festival. Gli attori britannici Maxine Peake (Peterloo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mike Leigh
scheda film
]
) e Charles Dance (Il trono di spade, The Imitation Game [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
) guidano il cast, con le emergenti Freddie Fox e Tanya Reynolds in ruoli secondari. Più accessibile del suo lavoro passato, Fanny Lye vede Clay misurarsi con il genere e restituire magnificamente l'Inghilterra di quattro secoli fa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Come La favorita [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Yorgos Lanthimos, Fanny Lye mira a sconvolgere l’idea che abbiamo dei tipici film d’epoca britannici e realizza che si ottiene più divertimento e profondità riecheggiando le mode contemporanee. Un potente mix di sesso, violenza e radicalismo politico mostrato in un contesto storico raramente visto sullo schermo, il film evoca l'Occidente e il melodramma, e impiega tropi familiari ai film horror di invasione domestica.

L'anno è il 1657. Fanny e John Lye (interpretati da Peake e Dance) vivono un'esistenza modesta con il loro giovane figlio in una fattoria isolata dello Shropshire. Con John ferito a seguito della sua lotta al fianco dei Parlamentari nella guerra civile, Fanny si deve occupare della maggior parte dei doveri nella fattoria. È una vita di rettitudine puritana, con un Dance impressionante nel suo ruolo di patriarca dominante. Peake, al contrario, è una presenza calda e benigna, ma che nasconde dentro di sé qualcosa di più feroce.

Di ritorno dalla chiesa una mattina, la coppia sorprende due fuggiaschi nudi che si nascondono nella loro stalla. Questi sono Thomas Ashbury (Fox) e la sua giovane "moglie" Rebecca Henshaw (Reynolds), che affermano che i loro vestiti e le loro cose sono stati rubati dai banditi. Sebbene profondamente sospettoso, John accetta di offrire loro un riparo per la notte – un soggiorno presto prolungato, giacché la giovane coppia entra nelle grazie della famiglia. John, per esempio, si tranquillizza quando Thomas afferma di aver combattuto dalla stessa parte di Roundhead in guerra. Ma questa solidarietà maschera un radicalismo ancora più profondo: Thomas e Rebecca seguono una dottrina fai-da-te di libertà sessuale e di ruoli di genere capovolti, orgogliosamente eretica persino al più riformista dei protestanti. Nel frattempo, uno sceriffo dal sangue freddo e il suo vice setacciano la terra alla ricerca di questi "bestemmiatori", accusandoli di "propaganda profana".

Una cosa è certa: Puritani e Ranters (la setta a cui appartiene la coppia in fuga) non costituiscono una tipica famiglia felice del XVII secolo. Il film poi si allontana audacemente dalla plausibilità, avvicinandosi all'horror speculativo che ricorda quello di A Field in England o Witchfinder General. Come il suo lavoro precedente, Clay forse mette eccessivamente in primo piano la provocazione e lo shock a spese della struttura, da cui emergono una scena sessuale inquietante, uno spargimento di sangue e la più profonda volgarità del XVII secolo.

L'ambizione di Fanny Lye deve essere presa sul serio. La copia da 35 mm mostrata al festival inizia con un omaggio scherzoso al vecchio sistema di censura cinematografica del Regno Unito: Clay si dà un orgoglioso voto "X". Ciò indica il suo debito con un filone più feroce del cinema britannico, quello di Ken Russell e Peter Greenaway, in contrapposizione all’elegante dramma in costume. Fanny Lye è un film ben fatto e avvincente, con il principio di voler esplorare la storia britannica, in un momento in cui il suo presente si trova di fronte a divisioni altrettanto gravi.

Fanny Lye Deliver’d è una coproduzione britannico-tedesca di Pull Back Camera ed è coprodotto da Essential Filmproduktion. Il film è stato realizzato con il supporto di BFI, Creative England, Film- und Medien Stiftung NRW, Medienboard Berlin-Brandenburg e ZDF. Coproduction Office gestisce le vendite internazionali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.