email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ROMA 2019

Recensione: Willow

di 

- L'autore macedone Milcho Manchevski torna con un altro trittico che attraversa i secoli su madri che cercano di concepire un figlio

Recensione: Willow

Fin dal suo esordio rivoluzionario, Before the Rain, nel 1994, l'autore macedone Milcho Manchevski si attacca ad argomenti epici e meticolosamente studiati che abbracciano decenni o secoli e raccontano storie sulla gente comune in circostanze problematiche. Il suo ultimo sforzo, Willow, presentato in anteprima mondiale nella selezione ufficiale della Festa del Cinema di Roma, parla di madri e, analogamente al suo film del 2010 Mothers [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Milcho Manchevski
scheda film
]
, utilizza una struttura a trittico per raccontare una storia di donne che lottano contro le circostanze e la tradizione nel loro desiderio di avere un figlio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La prima e più breve storia è ambientata nel Medioevo (anche se vedendo come vivono i protagonisti di Honeyland [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ljubomir Stefanov, Tamara …
intervista: Tamara Kotevska, Ljubomir …
scheda film
]
, si può facilmente immaginare che accada anche oggi) e una giovane coppia sta provando tutti i possibili rituali superstiziosi per concepire, combinandoli con preghiere cristiane. Alla fine, decidono di rivolgersi all'indovina locale (una strega, fondamentalmente, tenendo conto dell'epoca) in cerca di aiuto. La vecchia strega accetta, ma a una condizione: che le diano il primogenito, assicurando loro che ne avranno molti altri.

Nel secondo, il segmento più lungo, siamo nell'odierna Skopje, dove un tassista e una cassiera del supermercato, che si incontrano in circostanze intricatamente divertenti, provano tutto ciò che la medicina di oggi ha da offrire per avere un figlio, ma nulla funziona fino a quando la ragazza non rimane improvvisamente incinta di due gemelli. Ma l'ecografia mostra che uno dei bambini sarà handicappato mentalmente e fisicamente. Il marito è con veemenza e passione contrario all'aborto, mentre la moglie cerca di convincerlo che la vita dell'altro bambino sarà rovinata se li ha entrambi.

Nella storia finale, la sorella della protagonista del segmento precedente e suo marito adottano un ragazzo che è visibilmente silenzioso e ritirato, forse anche autistico. Lo ricoprono di amore, comprensione e regali, ma a un certo punto sembra improvvisamente sparire...

Manchevski intreccia magistralmente i fili delle tre storie, riproponendo alcuni motivi e piccoli suggerimenti che lo spettatore può interpretare da solo. Un salice ha un ruolo importante nel rituale della prima storia e riappare nei momenti cruciali delle altre due storie. Il primo nome del figlio nel primo segmento è Kuzman, mentre il tassista nel secondo si chiama Kuzmanovski. Anche le azioni dei personaggi e i loro destini sembrano ineluttabilmente connessi – che li si legga in chiave cristiana o semplicemente come un karma – ma queste relazioni sono tutt'altro che definite. Manchevski non sta dicendo "questo è il motivo per cui questo è accaduto", ma piuttosto "forse questo aveva a che fare con quest'altro".

Visivamente, è un film sontuoso in cui le strade bagnate di pioggia di Skopje e i suoi monumenti neoclassici kitsch a volte impressionano quasi quanto le splendide immagini della natura del primo segmento. Altre volte, marciapiedi incrinati ed edifici fatiscenti richiamano l’estrema povertà della giovane coppia del Medioevo.

Tutti gli attori sono abbastanza convincenti, ma a spiccare in particolar modo sono l’esordiente Sara Klimoska nel primo segmento e, nel secondo, Natalia Teodosieva (Secret Ingredient [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Blagoj Veselinov
intervista: Gjorce Stavreski
scheda film
]
) e Nenad Nacev (To the Hilt). Il campione del cinema macedone Kamka Tocinovski (Punk's Not Dead) domina completamente il terzo segmento.

Willow è una coproduzione della società di Skopje Banana Film e Baba Film, la britannica Scala Productions, l’ungherese Pioneer Pictures, l’albanese Tirana Film Institute, e le compagnie belghe Saga Film e BNP Paribas Fortis Film Finance.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.