email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LES ARCS 2019

Recensione: Sanctuary

di 

- Álvaro Longoria e i fratelli Javier e Carlos Bardem partecipano a una campagna di Greenpeace nella speranza di veder nascere una vasta area protetta nell'Oceano Antartico

Recensione: Sanctuary
Javier Bardem in Sanctuary

#ProtectAntarctic: è sotto questa esplicita insegna che il regista e produttore spagnolo Álvaro Longoria e i suoi connazionali i fratelli Javier e Carlos Bardem hanno intrapreso l'avventura del documentario ecologista Sanctuary [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, presentato a Toronto e San Sebastian prima della sua première francese in proiezione speciale all'11° Les Arcs Film Festival.

"È un meccanismo perfetto di equilibrio tra specie e risorse. Gli esseri umani non devono interferire e distruggere. Dobbiamo essere testimoni per proteggerle". Come sottolinea Javier Bardem, narratore e protagonista di un film che ripercorre una campagna di Greenpeace alla quale la star ha accettato di partecipare con la sua aura, la sua statura mediatica e la sua influenza, "l'Oceano Antartico è uno degli ultimi spazi vergini sul pianeta, e la sua biodiversità è essenziale per la nostra sopravvivenza".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

15 dicembre 2017: negli uffici di Greenpeace Spagna, a Javier e Carlos Bardem vengono chiariti i contorni della missione in cui sono coinvolti. Ogni anno, la convenzione CCAMLR (che regola la conservazione della flora e della fauna marine dell'Antartico) viene rivista dai 26 paesi membri. Ora, Greenpeace vuole proporre la creazione di un santuario di protezione di 1,8 milioni di km2 nel mare di Weddell, un'area molto ricca di krill, base della catena alimentare, un gamberetto minacciato dalla pesca industriale (che alimenta la produzione delle capsule di omega). Viene lanciata una petizione online con l'obiettivo di 1,8 milioni di firme perché "i politici reagiscono quando c'è la pressione popolare e un problema ambientale". Per la prima volta nella sua vita, Javier Bardem utilizza quindi i social network e annuncia la sua partecipazione tramite un piccolo video informale (con berretto di Greenpeace in testa) su Twitter con suo fratello Carlos (che ha scritto la sceneggiatura del documentario con il regista).

567.000 firme più tardi, ritroviamo i due fratelli il 23 gennaio, mentre arrivano con un piccolo aereo sull'Isola di re Giorgio prima di salire a bordo della nave di Greenpeace. Condividendo la vita quotidiana di attivisti e scienziati, i Bardem scoprono le condizioni climatiche estreme e la bellezza stupefacente dell'Antartide, i suoi impressionanti panorami di ghiaccio, le sue colonie di pinguini, i suoi uccelli, le sue balene, ecc. Vengono inoltre introdotti alle sfide legate all'importanza di oceani sani nel processo di cambiamento climatico. Il tutto con il buon umore (inclusa l'autoironia), ma anche con una certa angoscia quando Javier accetta di partecipare a un'esplorazione in sottomarino. Una settimana dopo, i nostri due portavoce prendono la strada del ritorno, ma continueranno il loro lavoro di persuasione nei mesi successivi intervenendo sui media, incontrando il ministro tedesco dell'Ambiente, poi il suo omologo britannico, ecc. Una dedizione che dà i suoi frutti giacché le firme salgono a 2,6 milioni all'alba della riunione decisiva, in Tasmania, dei paesi per decidere se creare o meno il santuario.

Ancora una volta associato ad Álvaro Longoria dopo Hijos de las nubes [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Goya 2013), Javier Bardem è il motore principale di questo documentario informativo che rende omaggio alla natura e all'impegno delle squadre di Greenpeace (Frieda Bengtsson, John Hocevar, Susanne Lockart, Sandra Schottner, ecc.). La struttura narrativa è più vicina al reportage lungo che al lavoro cinematografico, ma lo scenario mozzafiato e l'importanza del messaggio ottengono l'adesione dello spettatore: "Come esseri umani, dobbiamo unirci per difendere il nostro pianeta".

Prodotto da Morena Films e Pinguin Films, Sanctuary è venduto nel mondo da Endeavor Content.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy