email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL / PREMI Svizzera

Il Black Movie di Ginevra ci invita a tuffarci nella sua accattivante 21esima edizione

di 

- Dal 17 al 26 gennaio il sempre impertinente festival ci stupirà attraverso dieci ricche sezioni

Il Black Movie di Ginevra ci invita a tuffarci nella sua accattivante 21esima edizione
Technoboss di João Nicolau

Superata la soglia dei vent’anni, il Black Movie di Ginevra sembra non aver perso nulla della foga che l’ha sempre animato. Capitanato dall’affiatato duo di direttrici Kate Reidy e Maria Watzlawick e assolato come non mai (locandina dall’atmosfera pool party di Neo Neo e decori desertici composti da numerosi cactus di plastica dell’artista Cetusss), il festival dedicato ai film indipendenti invita quest’anno, dal 17 al 26 gennaio, il suo pubblico ad immergersi completamente in una programmazione esigente e atipica che non manca però mai di (auto)ironia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Oscuri e inquietanti ma anche e soprattutto inventivi e catartici, i film proposti quest’anno si sviluppano su ben dieci intriganti sezioni: il “Petit Black Movie pour adultes”, dedicato ai cortometraggi, “La fureur de vivre” che, come il suo nome lo indica, si concentra sulle prime esperienze ed emozioni dei giovani protagonisti che la abitano, “Solitaires singuliers” che propone una serie di film particolarmente audaci sul tema dell’isolamento, “À suivre…”, la sezione faro del festival che presenta i registi “coup de coeur” del festival, o ancora “Labyrinthe des femmes”, sezione dedicata alle donne, al loro coraggio e alla loro audacia, “Marcos, Ceausescu & cie”, composto da sei film di finzioni ispirate alle derive di poteri totalitari, “Rituels” che stimola la parte irrazionale che si nasconde in ognuno di noi, “Poor Lonesome Cowboys” che ci trasporta in posti lontanissimi fino ai confini dell’umanità, senza dimenticare l’importante retrospettiva del regista algerino formatosi in Francia Malek Bensmail che terrà anche, oltre al mitico regista portoghese Pedro Costa una masterclass (nell’evento Talking Heads).

Fra i film europei disseminati nelle varie sezioni ritroviamo il particolarissimo Technoboss [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: João Nicolau
scheda film
]
del portoghese João Nicolau e le coproduzioni A Girl Missing [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Kōji Fukada e A Tale of Three Sisters [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Emin Alper
intervista: Emin Alper
scheda film
]
di Emin Alper (in prima svizzera), tutti nella sezione “À suivre…”. Le altre sezioni annoverano invece lo svizzero O fim do mundo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Basil Da Cunha
scheda film
]
di Basil Da Cunha, il russo Why Don’t You Just Die! di Kirill Sokolov, il francese Kongo [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Hadrien La Vapeur e Corto Vaclav, presentato in prima svizzera nella sezione “Rituels” e la coproduzione fra Algeria e Francia Dans ma tête un rond-point [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Hassen Ferhani (“La fureur de vivre”). Anche lui in prima svizzera ma questa volta ospite di “Poor Lonesome Cowboys”, abbiamo la coproduzione A Dark-Dark Man [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Adilkhan Yerzhanov (Kazakistan-Francia). Fra i “Solitaires singuliers” di quest’anno ritroviamo invece: il Pardo d’oro a Locarno Vitalina Varela [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Pedro Costa, il documentario surrealista Dream Away [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell’artista tedesca Johanna Domke e del regista egiziano Marouan Omara, il francese Makala [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Emmanuel Gras
scheda film
]
di Emmanuel Gras, la prima svizzera del film georgiano-russo di Dmitry Mamuliya The Criminal Man [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e il road movie Talking About Trees [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Suhaib Gasmelbari. “Marcos, Ceausescu & cie” ospiterà infine il huis clos rumeno Arrest [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrei Cohn
scheda film
]
d’Andrei Cohn, l’utopia lituana Nova Lituania [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Karolis Kaupinis
scheda film
]
di Karosils Kaupinis e il quasi insostenibile The Painted Bird [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Václav Marhoul
scheda film
]
di Václav Marhoul.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy