email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2020 Concorso

Recensione: DAU. Natasha

di 

- BERLINALE 2020: Il film di Jekaterina Oertel e Ilya Khrzhanovskiy, che ha avuto una lunga gestazione nell'ambito del progetto DAU, è stato presentato in concorso a Berlino

Recensione: DAU. Natasha
Natalia Berezhnaya, Luc Bigé e Olga Shkabarnya in DAU. Natasha

In concorso al 70° Festival di Berlino, DAU. Natasha [+leggi anche:
trailer
intervista: Ilya Khrzhanovskiy
scheda film
]
è il primo lungometraggio dello straordinario – e, per alcuni, controverso – progetto DAU a essere proiettato in un festival cinematografico. DAU era stato presentato all'IDFA nel 2006 come un film basato sulla vita dello scienziato sovietico di armi atomiche e vincitore del Premio Nobel Lev Landau, prima di trasformarsi in un progetto in cui i cineasti hanno ricreato un istituto di ricerca sovietico, dove Landau lavorò per tre decenni fino al 1968.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film è scritto e diretto da Jekaterina Oertel e Ilya Khrzhanovskiy. Il film di debutto di Khrzhanovskiy, 4, lanciato alla Mostra del cinema di Venezia nel 2014, parlava di quattro persone che si incontravano in un bar e raccontavano bugie sul loro passato; successivamente, queste storie iniziavano a infiltrarsi nelle loro vite quotidiane. DAU. Natasha porta questa idea di vite finte che diventano la nostra realtà all'estremo.

Le riprese sono durate tre anni, coinvolgendo 400 attori principali e 10.000 comparse. L'Istituto, come i registi hanno chiamato la struttura, ha visto i partecipanti vivere la vita il più fedelmente possibile ai cittadini sovietici. Quando il cast è arrivato, DAU era ambientato nel 1938 e i registi hanno prestato un'attenzione estrema ai dettagli del periodo. Ogni poche settimane, hanno aggiornato i costumi, le acconciature e la confezione degli alimenti in modo che i partecipanti potessero sperimentare la struttura in un ordine cronologico accelerato. Così, durante i tre anni di riprese, sono trascorsi trent’anni del periodo DAU.

La cosa strana è che la maggior parte di ciò che è accaduto in quei tre anni non è stata filmata. È stata utilizzata una sola telecamera alla volta, quella manovrata dal direttore della fotografia tedesco Jürgen Jürges, che con la sua squadra di tre persone ha girato 700 ore di riprese dal 2009 al 2011. Da questo girato sono stati realizzati molti film, nonché alcune installazioni di realtà virtuale.

Come era prevedile per un film realizzato senza sceneggiatura, DAU. Natasha è episodico. Ha scene di una drammaticità sorprendente, ma gran parte della trama avviene fuori dallo schermo. Questo ad eccezione di una scena di sesso non simulata e molto controversa, sia per i personaggi stessi che per gli attori che interpretano i ruoli.

Natasha (Natalia Berezhnaya) gestisce il caffè nella mensa della struttura sovietica. Il film inizia con lei che canta una canzone tradizionale mentre lo schermo rimane nero – e, come chiunque abbia visto Ida [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pawel Pawlikowski
intervista: Pawel Pawlikowski
scheda film
]
saprà, questo potrebbe non essere gradito dalle autorità comuniste. Più tardi, si chiederà perché debba rinunciare a Dio. Ma per la maggior parte del tempo, Natasha si preoccupa dell'invecchiamento, giacché la sua sottoposta, la figlia del medico Olga (Olga Shkabarnya), è più giovane e più bella di lei. Natasha dice che la sua collega è una prostituta! Gli stereotipi di genere sono all'ordine del giorno.

I clienti sono gli scienziati che frequentano la mensa. Le scene di apertura delineano perfettamente l'universo del film, e le registe mostrano un talento straordinario per le sequenze che coinvolgono lunghi dialoghi. Lontano dai tavoli da pranzo, c'è un elemento futurista – ma può qualcosa sembrare davvero fantascientifico quando in realtà è successo nel passato? – con gli esperimenti in corso, mentre nella residenza degli scienziati, Natasha entra in contatto con un fisico francese in visita (Luc Bigé). È una relazione che la porta a visitare una camera di tortura, sollevando più domande che risposte.

DAU. Natasha è una coproduzione Germania-Ucraina-Regno Unito-Russia guidata da Phenomen Berlin Filmproduktion, Phenomen Ukraine (Kiev), Phenomen UK (Londra) e Phenomen Films (Mosca). Il produttore è Sergey Adonyev, mentre i coproduttori sono Svetlana Dragayeva, Susanne Marian e Alexandra Timofeeva. Le vendite mondiali sono gestite dalla francese Coproduction Office.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.