email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2020 Marché du Film

TVCO offre un ventaglio di titoli da tutto il mondo a Cannes

di 

- Dal polacco Time for Love al filippino Death of Nintendo, al lettone-finlandese The Pit, la società di vendite italiana ha una line up variegata da proporre ai buyer

TVCO offre un ventaglio di titoli da tutto il mondo a Cannes
Time for Love di Vincenzo Mosca

Time for Love [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
è il primo titolo della line up del venditore internazionale TVCO di Vincenzo Mosca al Marché du Film del Festival di Cannes. Diretto da Miguel J. Vélez, regista colombiano formatosi a Los Angeles che è anche il produttore con la sua Lanterna Pictures, basata in Colombia, USA e Polonia, il film è una dramedy romantica interpretata da Jacek Kałucki, Marta Sutor, Marcin Franc e recitata in polacco e inglese. Attratto da una misteriosa straniera, Mikołaj sale su un treno senza biglietto. Il viaggio durerà abbastanza per trovare l’amore prima di Natale?

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Death of Nintendo è invece ambientato a Manila negli anni 90, e ci porta nel colorato mondo della cultura pop di quattro amici adolescenti, ai tempi in cui i videogiochi erano ancora una novità. E’ diretto dal regista filippino Raya Martin e prodotto da Indieflip e Black Sheep.

E’ un “coming of age” anche L’agnello (The Lamb) [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Mario Piredda, coproduzione Italia/Francia di Articolture e MAT Productions con Rai Cinema e il supporto di Regione Sardegna e Fondazione Sardinia Film Commission. Il padre della sedicenne ribelle Anita è gravemente malato e in attesa di un trapianto di midollo. Suo fratello è un donatore compatibile, ma i due non parlano da anni. Anita decide di intervenire, in una Sardegna aspra e contaminata. Nel cast Luciano Curreli, Piero Marcialis, Michele Atzori e la giovane Nora Stassi.

Italiano anche Opera Mundi [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Paolo Fiore Angelini, film sperimentale ispirato alla messa in scena teatrale del Rigoletto di Giuseppe Verdi. Con Raffaele Abete, Cristiano Scilla, Vladimir Stoyanov, Antonio Di Matteo, il film è prodotto da Avocado Pictures, ABC Arte Bologna Cultura, Icaro like-us, Oblivion Production.

El silencio del cazador dell’argentino Martín Desalvo (produzione Doménica Films) racconta di Guzmán, un ranger che pattuglia instancabilmente una riserva naturale in cerca di bracconieri, in contrapposizione con Orlando Venneck, un colono di origine europea, proprietario di una fattoria e cacciatore. Dietro la cartolina turistica della riserva naturale c'è un mondo nascosto assediato dalle tensioni tra le diverse culture che lottano per il loro controllo.

Due i documentari nel listino di TVCO. A riveder le stelle [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, dell’italiano Emanuele Caruso, con Maya Sansa, Franco Berrino e Giuseppe Cederna, è un docu-film prodotto da Obiettivo Cinema concepito come una vera e propria lettera al futuro dell’umanità. Nei prossimi anni, quando il cambiamento climatico provocherà la più grande crisi che l'uomo dovrà mai affrontare, rivolgeremo lo sguardo al passato. Ripensando ai molti errori che abbiamo commesso consapevolmente nel corso degli anni, ci poniamo solo una domanda: "Come abbiamo potuto permetterlo?”.

Sisterhood di Domiziana De Fulvio (Alfa Multimedia) invece dà un'occhiata da vicino a tre squadre di basket di strada femminili, in Libano, in Italia e a New York City. Queste donne vivono una vita totalmente diversa, ma hanno in comune la profonda e vera passione per il basket, che è sempre stata considerata uno sport per soli uomini. Comunità di donne che, al di là della loro passione comune e condivisa, sono tutte diverse per quanto riguarda le loro origini etniche, cultura, religione, classe sociale, età, identità di genere e orientamento sessuale.

In postproduzione, The Pit [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
della regista di Riga Dace Pūce (leggi l’articolo) è tratto da un romanzo di successo della scrittrice lettone Jana Egle, con l'esordiente russo Damirs Onackis nel ruolo principale. Una coproduzione tra Marana Productions SIA (Lettonia) e Inland Film Company OU (Finlandia).

In sviluppo infine il prossimo film di Stefano Incerti, I Want to Watch, scritto con Diego De Silva, prodotto da Rain Dogs con la stessa TVCO, un thriller con protagonista una ragazza di sedici anni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy