email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE / FINANZIAMENTI Italia

I Manetti bros. sul set per Il Mostro della cripta di Daniele Misischia

di 

- Terminato l’atteso Diabolik, i fratelli Marco e Antonio Manetti producono per Mompracem una horror comedy diretta dal loro ex collaboratore

I Manetti bros. sul set per Il Mostro della cripta di Daniele Misischia
Lillo Petrolo, Tobia De Angelis e Claudio Camilli in Il Mostro della cripta (© Benito Tansi)

I Manetti bros. (Ammore e malavita [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Marco e Antonio Manetti
scheda film
]
) tornano sul set da produttori, dopo l'interruzione causata dall'emergenza sanitaria, per le riprese de Il Mostro della cripta, horror comedy diretta da Daniele Misischia. Ex operatore e regista di seconda unità per Marco e Antonio Manetti, Misischia aveva firmato nel 2017 la sua opera prima The End? L’inferno fuori [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, horror apocalittico ambientato quasi interamente dentro un ascensore, anch’esso prodotto dai fratelli Manetti con Carlo Macchitella per Mompracem.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I Manetti, che hanno appena terminato l’atteso Diabolik (leggi la news), firmano la sceneggiatura con Paolo Logli e Alessandro Pondi. Protagonisti de Il Mostro della cripta sono Lillo, Tobia De Angelis e Amanda Campana. È il 1988 e il giovane Giò (De Angelis), nerd poco più che adolescente, sfogliando l'ultimo numero del suo fumetto preferito, "Squadra 666 - Il Mostro Della Cripta", scritto e disegnato da uno dei suoi idoli, Diego Busirivici (Lillo), si accorge di alcune analogie tra la storia raccontata in quelle pagine e gli atroci avvenimenti che stanno seminando morte e terrore nel paesino in cui vive. Un inquietante mistero condurrà Giò e il suo strampalato gruppo di amici in un'avventura fuori dal comune.

Le riprese del film dureranno complessivamente sei settimane, tra Bologna e Bobbio. Il Mostro della cripta è una produzione Mompracem e Vision Distribution (che curerà anche la distribuzione nelle sale italiane) in collaborazione con Sky e Timvision con il contributo dell'Emilia-Romagna Film Commission.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy