email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SARAJEVO 2020 Concorso documentari

Recensione: Her Mothers

di 

- Ritratto crudo di una coppia lesbica che adotta una bambina nell'omofobica Ungheria di Orbán, questo documentario di Asia Dér e Sári Haragonics è stato presentato in anteprima europea a Sarajevo

Her Mothers [+leggi anche:
trailer
intervista: Asia Dér, Sári Haragonics
scheda film
]
, il secondo lungometraggio documentario di Asia Dér e il primo di Sári Haragonics, presentato in anteprima mondiale a Hot Docs e ora in competizione a Sarajevo, segue una coppia lesbica che lotta per adottare un bambino nell'Ungheria di Orbán. Concentrandosi maggiormente sulla relazione delle donne e sul modo in cui affrontano il nuovo arrivo in famiglia, piuttosto che sulle complicazioni causate dalla società sempre più autoritaria e omofoba del paese, il film mostra tuttavia in modo abbastanza diretto come la vita privata non possa essere isolata e tagliata fuori dal contesto circostante.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Quando incontriamo Virág, una ex politica verde e un tempo membro del parlamento, e Nóra, bassista di una band drum&bass in stile Kosheen, la loro piccola figlia sta già arrivando e stanno preparando un album fotografico per raccontare alla piccola la loro storia. Attraverso segmenti ambientati nel passato, apprendiamo che ci sono voluti due anni per adottare la bimba rom di due anni Melissa. In Ungheria, le coppie gay non possono adottare, ma i genitori single sì, e le due donne hanno usato questa scappatoia che Orbán ha giurato avrebbe presto risolto.

Le dichiarazioni omofobe e xenofobe dei funzionari governativi punteggiano la narrazione nel sound design del film, via radio o media online, e le registe le usano per farci comprendere l'atmosfera opprimente in cui vivono Virág e Nóra. Le due donne vivono in una casa di tipo rurale situata fuori città, e hanno sempre più paura che "qualche pazzo nazista" possa scoprire dove vivono e magari uccidere i loro tre cani. Pensando a questo, stanno progettando di trasferirsi fuori dal paese.

Tuttavia, il vero fulcro del film sta nel modo in cui la coppia si adatta alla loro nuova situazione familiare. Quando arriva la bambina, all'inizio è molto difficile per tutti e le ci vuole del tempo per abituarsi alla nuova casa. Alcune di queste scene sono decisamente dure, con le due donne perplesse su cosa fare con la bambina che urla e tira calci. Ma non appena Melissa si assesta, ci rendiamo conto che Virág è entrata nel suo ruolo di madre, mentre Nóra sta lottando per tenere il passo. "È una delle specificità della genitorialità lesbica", dice. Né madre né padre, è frustrata ma va avanti. Il legame delle donne sembra essere abbastanza forte per resistere a tali sfide.

Her Mothers non è un’esperienza facile neanche per lo spettatore. L'approccio intimo significa anche che il film è molto crudo, con inquadrature spesso confuse che riflettono la situazione caotica nella casa della coppia, e un montaggio che segue le irregolarità sia della narrazione che delle emozioni. Ma dentro questa disarmonia, ci sono lampi di luce e vera felicità: una gita al lago in estate, giocare con la bambina sulla neve, e i concerti e le prove di Nóra (la sua musica è veramente bella) in cui lei può fare ciò che ama e sfogarsi un po'.

Mentre il film è a volte molto diretto, come quando Nóra è terribilmente sconvolta per il fatto che Melissa non le permette di rimboccarle le coperte e chiede invece di Virág, il suo aspetto più forte è il modo in cui Dér e Haragonics usano i primi piani delle donne nei momenti chiave, senza dubbio con l'aiuto della montatrice Flóra Erdélyi. Quando questi sono particolarmente riusciti, qualsiasi spettatore può relazionarsi con una madre o con l'altra indipendentemente dalla propria esperienza.

Her Mothers è una coproduzione tra l’ungherese Campfilm e HBO Europe. La compagnia di Toronto Syndicado detiene i diritti internazionali. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy