email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2020 Concorso

Recensione: In the Dusk

di 

- Sharunas Bartas compete per la Conchiglia d'oro di San Sebastián con questa storia del movimento partigiano lituano ambientata nell'inverno del 1948

Recensione: In the Dusk

Nevica ed è triste. Ovvio: stiamo parlando di un film dello specialista dello slow-cinema Sharunas Bartas, diventato famoso negli anni '90 con le delizie cinematografiche a passo di lumaca Few of Us e The House, prima di andare fuori moda. In the Dusk [+leggi anche:
trailer
intervista: Sharunas Bartas
scheda film
]
, ambientato nell'inverno del 1948, con i ricordi della Seconda guerra mondiale incisi sui volti barbuti di uomini in abiti da lavoro, racconta l'ascesa del movimento partigiano lituano. Ha ricevuto l'etichetta di Cannes 2020 e ora è in competizione al Festival di San Sebastian.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

"Ognuno ha la sua verità, ma penso che ce ne sia solo una", dice il proprietario terriero dalla barba bianca Pliauga (Arvydas Dapsys) al figlio adottivo Unte (Marius Povilas Elijas Martynenko), in un raro momento di confessione. Al ragazzo 19enne dice anche di non essere bugiardo, “come me”. Unte probabilmente già lo sa, poiché in precedenza ha sorpreso Pliauga a baciare la domestica. L'inizio è un dramma familiare cechoviano, ambientato in una fattoria, che dipinge omicidio, adulterio e odio velenoso, narrato nello stile austero, agghiacciante e miserabilista del grande teatro. È un peccato che non ci siano più scene con la fredda moglie di Pliauga (Alina Zaliukaite-Ramanauskiene) poiché, nel breve tempo in cui appare, offre una performance così agghiacciante che spaventa più dell'Armata Rossa. Ma non c'è quasi posto per lei, o per qualsiasi altra donna, in questa storia di padre-figlio macchiata di sangue.

In the Dusk ha incontrato una certa resistenza alla sua prima nel suo paese lo scorso anno. Bartas ha affermato che ciò è dovuto al fatto che quella parte di pubblico ottimista, mutevole e nostalgico voleva che i suoi partigiani fossero più coraggiosi e vincenti. Vedendo il film, che merita di essere in concorso a San Sebastian, Bartas fa bene a non riscrivere la storia a favore dell'intrattenimento nostalgico. È un film di guerra sui sentimenti, anche se la maggior parte dei personaggi fatica a sentire qualcosa.

L'azione si svolge in mezzo alla natura, in case costruite vicino al bosco, o nel bosco stesso. Le scene interne sono illuminate da candele e lampade a gas, che conferiscono alle immagini la gamma di colori di un Rembrandt. La luce risplende intensamente sui volti, che vengono utilizzati abilmente quando i partigiani si riuniscono attorno a un tavolo per discutere le tattiche per liberare la Lituania. Sono volti veri, pieni di segni, macchie e rughe. Il film di Bartas non è tanto un film di guerra, ma un lento studio della menzogna. Per alcuni sarà troppo lento, anche se c'è una buona dose di azione quando arrivano i russi. Unte vuole essere un coraggioso nazionalista e sa contro cosa sta combattendo; ma per cosa sta combattendo? In questo contesto invernale, tutti sono comprensibilmente preoccupati che un compagno li tradisca. Unte sarà migliore di Pliauga? Questa è la domanda posta dal film che segna il tanto atteso ritorno di Bartas, sebbene non raggiunga il livello del suo lavoro precedente.

In the Dusk è una coproduzione tra Lituania, Francia, Repubblica Ceca, Serbia, Portogallo e Lettonia guidata da Sharunas Bartas, Jurga Dikciuviene (Studija Kinema) e Janja Kralj (KinoElektron). Il film è coprodotto da Artemio Benki (Sirena Film), Nikolina Vucetic Zecevic (Biberche Productions), João Matos (Terratreme Filmes) e Gints Grube (Mistrus Media). Luxbox gestisce le vendite internazionali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy